Laureus Awards, premio alla carriera per Totti: "In 25 anni ho fatto qualcosa di bello. In tribuna si soffre tantissimo... Imparo da Monchi, il mio futuro nel settore tecnico" (FOTO e VIDEO)

27/02/2018 alle 19:33.
dxd-6qowkaardy1

celebrato a Montecarlo. L'ex capitano è ora dirigente della Roma è stato premiato in occasione del Laureus Awards, gli Oscar del mondo dello Sport. L'ex numero 10 ha ricevuto l'Exceptional Achievement Award. per il miglior momento dell'anno, grazie al suo addio al calcio che commosse mezzo mondo.

Sul palco ha ricevuto il premio da Alessandro Del Piero e Bebe Vio: "Scusate, non parlo in inglese - esordisce al microfono - . Sono emozionato, non pensavo di ritirare questo premio. Sono contento di questi 25 anni di carriera passati con la Roma. Ho vissuto momenti felici in Nazionale con Del Piero. Ringrazio tutti per la serata, è il primo anno. Spero di potervi aiutare anche in futuro, soprattutto per gente meno fortunata di noi".


19.48 - Al termine della premiazione ha parlato ai microfoni dell'emittente satellitare:

Innanzitutto le congratulazioni: che emozione è stata?
"Sinceramente un premio inaspettato, ma è un riconoscimento internazionale che accetto a braccia aperte, sono riuscito in 25 anni a fare qualcosa di bello".

Un premio per la sua fedeltà alla Roma.
"Il riconoscimento più importante, ho realizzato un sogno che avevo da bambino. Tutto quello che ho fatto l'ho fatto con amore"

I tuoi progetti e come si soffre dalla tribuna per non poter entrare in campo? Conferma il 'no' ad un futuro da allenatore?
"In tribuna si soffre tantissimo, ora hai un'altra testa ed è tutto più difficile. durante la partita pensi a tante cose, che però non puoi più fare. Un futuro da allenatore? Rispondo di no anche adesso"

Com'è il suo lavoro al fianco di Monchi?
"Da Monchi c'è solo da imparare, è uno dei ds più importanti d'Europa e lo abbiamo strappato a squadre più importanti. Al suo fianco vedo, scruto. medito... Sono uno che guarda tutto, piano piano sto capendo il ruolo che mi si addice. Penso di restare nel settore tecnico: il campo e lo spogliatoio sono le cose che conosco di più. Non so se come dt, come volete voi, ma la parte del campo è quella più sentita".

(sky sport)

 

(foto sky sport)