KEYWORDS - 'Attraverso lo specchio e quel che Rudi vi trovò'

16/03/2015 alle 08:00.
garcia-humpty-dumpty

LAROMA24.IT (D.D.A./M.M.- mette la parola fine sulla vicenda . Le dichiarazioni del centrocampista belga pronunciate dopo il pari di Firenze di giovedì scorso ("Se giochiamo in 11 e diamo tutti il massimo, possiamo giocare da Roma, se uno o due non sono in giornata, non possiamo giocare da Roma") hanno alimentato un vero e proprio dibattito su cui è arrivata oggi la presa di posizione di . Risponde così alle inevitabili domande sulla questione, con una metafora alla Lewis Carrol: "E' il compleanno di qualcuno oggi? - dice rivolgendosi ai cronisti presenti in sala stampa - No? Allora buon non-compleanno a tutti. Quella di Nainngolan è una non-vicenda, allo stesso modo".

"Attraverso lo specchio e quel che Rudi vi trovò"... Del resto già in passato si è affidato a frasi ad effetto per far passare meglio i propri concetti, da "la natura odia il vuoto" alla tanto citata "chiesa al centro del villaggio". Stavolta, per per chiudere i discorsi sulle parole di , scomoda "Alice nel paese delle Meraviglie", uno dei 'classici' della letteratura inglese. Nell'immaginario collettivo la parola "non-compleanno" rimanda al popolare film d'animazione della Disney, in particolare alla scena del "Tea Party" tenuto dal Cappellaio Matto.

Ma il termine ovviamente ha origine ancor più remota. "Non-compleanno" (un-birthday), infatti, è un neologismo inventato dallo scrittore Lewis Carroll e usato in "Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò", secondo romanzo della serie e pubblicato nel 1871. In particolare è il personaggio di Humpty Dumpty (Unto Dunto), a spiegare ad Alice di aver ricevuto una cravatta come "regalo di non compleanno" (un-birthday present), illustrando poi alla protagonista i vantaggi di poter ricevere doni per 364 giorni in un anno, invece che in una sola occasione. I tifosi romanisti, intanto, si accontenterebbero di tornare a ricevere quel regalo che, all'Olimpico, manca dal lontano 30 novembre scorso: "Ė molto semplice - diceva Leprotto Bisestile, altro personaggio del romanzo - Dunque, trenta giorni conta novemb... no! Né di Venere né di Marte non si spo... Se tu hai un compleanno, hai anche... - sogghigna - Non sa cos'è un Non-Compleanno!".

MM / DDA