La replica della Regione alla Raggi: "Dice falsità, le indagini sono sulla modifica del progetto voluto dalla sua Giunta"

14/06/2018 alle 21:09.
regione_lazio

''Quanto affermato dal Sindaco Raggi nel corso di una registrazione ad una trasmissione televisiva non corrisponde in alcun modo al vero. La Regione Lazio non risulta coinvolta dall'inchiesta per gli atti svolti nel corso dell'istruttoria sul progetto dello stadio della As Roma. Non un solo atto relativo alla Conferenza dei servizi svolta dagli uffici della Regione Lazio è stato acquisito, infatti, dagli inquirenti e dalla Magistratura". Così, in una nota, la Regione Lazio. "Da quanto trapela, invece, oggetto delle indagini sarebbe l'iter autorizzativo scaturito dalla decisione della Giunta Raggi di modificare il progetto dello stadio. - prosegue la nota della Regione - Precisiamo, inoltre, che l'intero iter, a partire dalla proposta relativa allo stadio, è stato gestito sin dal principio dal Comune di Roma Capitale che è l'ente proponente e che ne ha seguito iter e autorizzazioni".

"Spiace constatarlo ma il Sindaco Raggi, probabilmente colpita nel profondo dall'arresto di colui che, per sua stessa ammissione, era stato indicato come consulente strategico per il Campidoglio sullo , poi nominato sempre dal Campidoglio Presidente di Acea, sbaglia clamorosamente il tiro puntando sull'amministrazione regionale con una serie di bugie e falsità'', conclude la nota.