Tournée Usa, Cafù: "Roma rimarrà sempre nel mio cuore. Scudetto? Può essere l'anno buono. Gerson è fortissimo" (VIDEO)

29/07/2017 alle 00:53.
cafu-2-2

DA BOSTON DAMIANO FRULLINI - Marcos Evangelista de Moraes, meglio noto come Cafu, il "pendolino" giallorosso del tricolore del 2001, ha parlato dal ritiro della Roma a Boston del suo ex compagno di squadra , dell'addio di e dello scudetto. Queste le sue parole:

Ci racconti cosa stai facendo qui a Boston con la Roma?

"E’ sempre bello rivedere i compagni, tornare a Roma, anche se ora siamo un po’ lontani, ma stare con i ragazzi è sempre importante. Gandini mi ha invitato e sono orgoglioso di essere qui"

Come ti ha presentato il mister ai giocatori?

"Rideva. Mi ha detto delle belle parole e io faccio il tifo per lui, nella speranza che possa fare bene con la Roma, piazza che lui conosce molto bene"

Avrai sicuramente visto il lavoro di Monchi, si lavora per l’esterno destro d’attacco, come vedi la vedi questa rosa nella classifica della Serie A?

"E’ una bella squadra, bisogna aspettare l’inizio del campionato per valutare. La Roma è sempre arriva vicina al primo posto negli ultimi anni e quest’anno potrebbe essere quello buono. Hanno giocatori esperti e nuovi che stanno cercando di inserirsi"

Hai parlato con Gerson e Bruno ?

"Gerson ha avuto problemi ad adattarsi ma è bravissimo, deve inserirsi negli schemi del mister per giocare di più e sbloccarsi. E’ un ragazzo molto bravo"

Dal ‘pendolino’ alla ‘locomotiva’. Lo conoscevi già Karsdorp?

"Lo conoscevo poco ma ho visto che stava andando benissimo. Poi ha avuto dei problemi, che è piuttosto normale per i giocatori di corsa. Ma sta tornando e sicuramente vi darà grandi soddisfazioni"

Pensi che abbia le qualità giuste per diventare un grande sulla fascia?

"Certo che si. Prima dell’infortunio stava andando molto bene, adesso deve recuperare per tornare a fare quello che stava facendo prima. E’ un giocatore da tenere d’occhio, molto intelligente tatticamente e speriamo possa fare bene qui alla Roma"

Hai giocato anche nel Milan, ma è vero che Roma ti è rimasta nel cuore?

"A Roma ho passato 6 anni e il cure è ancora lì. Grazie alla Roma mi sono fatto conoscere nel mondo e quello che abbiamo raggiunto rimarrà per sempre nel mio cuore. Per il modo in cui mi ha accolto la città, la società e la tifoseria a me e alla mia famiglia"

Ci tornerai, magari con un ruolo in società?

"Non ci ho pensato in realtà. Ho ancora tanto da fare sia in Brasile che nel mondo, con la UEFA e la FIFA. Ma penso sempre a lavorare con la Roma, è una società che ha cambiato mentalità e pensa da grande"

____

L'intervista di Cafu ai microfoni di Sky Sport:

Su

"Eusebio è un ragazzo d’oro e spero che possa fare bene in questa squadra che conosce a fondo"

Sullo scudetto

"Vincere lo scudetto non è facile. Io e abbiamo avuto la possibilità di farlo insieme, quando avevamo una squadra molto forte. Bisogna lavorare tanto, con un nuovo allenatore i ragazzi si devono inserire in quello che il mister richiede loro. Ma ho visto come allena e penso possa fare molto bene"   

Gli anni alla Roma

"Con la Roma sono cresciuto. Ho trascorso 6 anni bellissimi e abbiamo lasciato un ricordo importante e devo dire grazie alla società e alla città di Roma e a suoi tifosi che ci hanno aiutato tanto"

L'addio di

" è stato il simbolo di questa squadra, ma bisogna tornare a giocare anche senza il capitano. Abbiamo perso un giocatore incredibile, ma il calcio è così, rimarrà nella memoria dei tifosi romanisti"

Sul prossimo campionato

"Il Milan si è rafforzato, deve lavorare e crescere. La è stata impressionante rispetto a tutte e quest’anno la Roma, dopo anni in cui è arrivata seconda, può vincere lo scudetto"