Pallotta: «Così scopriremo un altro Totti»

02/03/2018 alle 08:12.
pallotta-7

[...] È stato un fiume in piena James , intervenendo nei giorni scorsi allo Sports Analytics Conference del MIT di Boston. Il presidente giallorosso ha rubato la scena, cercando di spiegare al pubblico la realtà romana. O almeno la sua visione. Tema della conferenza era il machine learning, cioè la capacità delle macchine (i computer) di imparare dall’esperienza. «Negli ultimi cinque anni - le sue parole - abbiamo lavorato molto sull’analisi dei dati statistici nella Roma. Una delle cose più complicate è portare gli allenatori ad ascoltare ciò che stiamo facendo. Circa nove mesi fa, abbiamo deciso che avremmo provato a fare il passo successivo, provando a individuare i calciatori, magari i prossimi , Ronaldo, o : è una cosa davvero difficile da fare. Puoi guardare seimila giocatori, ma se vuoi cercare determinate caratteristiche, vanno viste ore e ore di video. Volevamo arrivare a un sistema che filtrasse tutti i dati».

Sullo stadio: «In tre anni speriamo di avere un nostro impianto, e questa è la chiave, perché non possiamo competere col in nessun modo se gli spagnoli faranno un miliardo di dollari di ricavi nei prossimi 2-3 anni, mentre noi abbiamo a che fare con 220-240 milioni. [...] Poi ci saranno concerti. Ci stiamo mettendo un po’, abbiamo avuto un ritardo nell’approvazione finale, ma poi potremo iniziare a produrre ricavi doppi o tripli rispetto ad ora. Io non ho molta pazienza, ci stiamo mettendo tanto, ma ci arriveremo». [...]

Creare un brand internazionale anche attraverso la creazione di propri canali di comunicazione. «Abbiamo comprato una nostra radio per dare la nostra versione, perché dovevamo avere a che fare con nove stazioni radio a Roma, e se le ascoltassi tutti i giorni, mi butterei dal Tobin Bridge perché sparano mer.. tutto il giorno su quello che facciamo o su quello che faccio io».

(Corsera)