Roma, Di Francesco sfiducia i senatori

23/02/2018 alle 07:23.
img_1893

IL MESSAGGERO (U. TRANI) - Adesso deve intervenire con i fatti. Le parole, anche quelle dette a caldo nella pancia del Metalist stadion, non bastano più. Perché la stagione della Roma è nella fase cruciale e ogni errore ormai rischia di diventare fatale. I 2 big match di fila in campionato, contro il Milan, domenica sera all’Olimpico, e contro il , sabato 3 marzo al San Paolo (senza tifosi giallorossi), e il ritorno degli ottavi di , contro lo Shakhtar Donetsk, il prossimo 13 marzo in casa, diventano fondamentali per il futuro del club. Non c’è da indicare i responsabili della ripresa non giocata (come ha ammesso lo stesso ) nel gelo di Kharkiv, ma da capire chi è in grado di dare il suo contributo al gruppo in un periodo in cui ogni errore ormai rischia di diventare fatale. Fisicamente e psicologicamente, qualche calciatore non sembra presentabile. E, pure se la rosa non è extralarge, tocca all'allenatore scegliere su chi puntare.

ha chiamato in causa i big per il calo della Roma nel secondo tempo. Non gli è piaciuta l’interpretazione, soprattutto quella dei senatori, scelta dopo il gol del vantaggio di Under. «Non ho capito perché ci siamo a gestire il risultato». Lo ha detto in pubblico e lo ha ripetuto a Trigoria ai diretti interessati. Si è arrabbiato a Kharkiv e ha concesso il bis appena tornato nella Capitale. Ha chiesto spiegazioni sull'atteggiamento della squadra subito dopo l’intervallo. Fiacco e timido. Ne ha discusso già in Ucraina, confrontandosi di notte con i dirigenti e con qualche calciatore nel ritiro alla periferia della città. E ha approfondito la questione prima dell’allenamento. Il riferimento ai giocatori più rappresentativi è stato inequivocabile. «Errori sono stati commessi anche da chi ha più esperienza e da chi deve prendersi più responsabilità». La lista di chi l’ha deluso: Kolarov, , e più di altri. «Quanto è successo nella ripresa è inammissibile». Infuriato, dunque, per il comportamento che improvvisamente è diventato rinunciatario. Accadde a San Siro, un mese fa, contro l’. Anche a Milano, come a Kiev, la squadra si è abbassata, non riuscendo più a far girare il pallone. Senza motivo. O forse sì. C’è un concetto che proprio il tecnico dovrà approfondire nei prossimi giorni, dopo aver valutato i dati che hanno accompagnato la prestazione contro lo Shakhtar. «Dovremo individuare se è stato un problema fisico o no». , ad esempio, non è sicuramente al top: la sua tenuta è parziale. Anche Kolarov, con Silva vicino solo alla prima convocazione, sembra stanco perché non c’è il ricambio a sinistra. , poi, non è quello dell’anno scorso. La sua  flessione non dipende certo dal ruolo: da trequartista non ha certo preso il volo. La crisi di , e non solo perché protagonista suo malgrado della trattativa con il Chelsea, è certificata dai numeri: ultimamente fatica anche a calciare in porta. Ma è probabile che il vero flop, mercoledì sera, sia stato caratteriale. Preso il gol di Ferreyra, ecco il black out inspiegabile.O magari lo è: qualche interprete è stato sopravvalutato.

non scaricherà i suoi big. Ma, dopo l’8° ko stagionale, al tempo stesso non guarderà in faccia nessuno. Così, domenica contro il Milan, l’ennesima rotazione: lascerà il posto a Pellegrini, così come può uscire , con Defrel (o, volendo, pure Schick) pronto a sostituirlo. In bilico anche . Cambiare, però, 2 centrocampisti su 3 potrebbe essere un azzardo. «Il sistema di gioco non c’entra con il nostro comportamento» ha chiarito l’allenatore. Che ha ritrovato almeno , euforico su e sorridente in foto accanto ad : «Dove non arriva il mostro, ci sono io!». è avvisato.