Schick e quell'errore, l'incubo giallorosso è la festa bianconera

25/12/2017 alle 08:45.
juventus-v-as-roma-serie-a-10

LEGGO.IT (B. SACCA') - Poi, nel tempo di recupero, è arrivato Patrik Schick. Era solo. Era solo davanti a . Era solo davanti a e: ha sbagliato. Già, ha sbagliato. Così l’incubo della Roma è diventato la festa della . Ai tifosi giallorossi venuti fin qui (a prendere litri di freddo) dev’essere crollato il mondo addosso. I bianconeri hanno vinto con pieno merito, va detto. E nelle mani, e negli occhi, e nei pensieri della Roma è rimasto un mare di rimpianti: più per le occasioni buttate al vento, a pensarci, che non per la manovra offerta, comunque lenta, toccata a poca velocità.

L’icona della serata è racchiusa in quell’errore di Schick, è chiaro. Pagato, strapagato 40 milioni di euro, un giocatore di quel valore, a certi livelli, simili errori non può commetterli. Inutile discuterne. All’Allianz Stadium, in svantaggio, contro una molto forte, oltre il 90’, non si può e non si deve sbagliare un gol trovandosi liberi davanti al . È logico che ogni responsabilità non si possa gettare su Schick, perché se la Roma è arrivata al 90’ in debito di una rete significa che le colpe bisogna distribuirle a tutta la squadra. Però. Però non è falso immaginare che proprio a riequilibrare (e in certo modo a decidere) sfide del genere servono i campioni.  La ce l’ha, la Roma, forse, chissà.

VAI ALL'ARTICOLO ORIGINALE