Manolas, la firma entro Natale

09/11/2017 alle 07:18.
acf-fiorentina-v-as-roma-serie-a-75

LEGGO (F. BALZANI) - Dal broncio d’estate ai sorrisi d’autunno. Il mondo romanista di si è capovolto in pochi mesi passando dalla cessione allo Zenit a un rinnovo che ora sembra davvero a un passo. Con il greco è tornato sereno e ha deciso di sposare il progetto Roma. «Ci ha portato la giusta mentalità», ha dichiarato dopo la vittoria di Firenze arrivata anche grazie a un suo gol (il 2° stagionale dopo quello al Qarabag). Felice sì, ma c’è un questione in ballo da troppo tempo. Il difensore – stasera in tribuna nel playoff contro la Croazia perché squalificato – attende da oltre un anno l’aumento di stipendio. Il contratto di (in scadenza nel 2019) è uno dei temi centrali del dialogo tra Monchi e che sta andando in scena in queste ore a Boston. Oggi Kostas guadagna 1,8 milioni bonus compresi, meno di Juan Jesus e Gonalons (tanto per fare due nomi). La richiesta è nota da tempo: 3,5 milioni. Troppo per la Roma che in queste settimane ha limato le distanze con l’agente Evangelopoulos.

La trattativa si è ammorbidita da quando Raiola ha abbandonato l’entourage del greco. L’affare dovrebbe chiudersi prima di Natale con rinnovo fino al 2021 a 3 milioni comprensivi di bonus. L’altro nodo resta la clausola, ormai una prassi. la vorrebbe di 30 milioni, la Roma spinge per portarla a 40 che è poi su per giù la valutazione che in estate aveva permesso allo Zenit di ottenere il sì di prima del no di Kostas. La strada per la clausola si troverà a metà: 35 milioni. L’appuntamento decisivo è previsto dopo il derby. Poi inizieranno le trattative (all’apparenza più semplici) per allungare il contratto di dal 2019 al 2022. A proposito di mercato: dovrebbe tornare alla base , mentre potrebbe essere ceduto in prestito in Brasile.