La Capitale vola alto

03/10/2017 alle 07:38.
img_4369

IL MESSAGGERO (A. ANGELONI) - La Roma c’è, sostiene Eusebio , che per qualcuno non era buono nemmeno per galleggiare a metà classifica. La Roma c’è, lo dicono i numeri, i risultati e soprattutto i margini di miglioramento, che appaiono evidenti. La Roma c’è e ancora non brilla al cento per cento, se non altro perché, alla squadra che ha fatto 15 punti in sei partite - a proposito dei famosi margini di miglioramento - vanno aggiunti calciatori che, sulla carta, dovrebbero/dovranno fare la differenza e parliamo dei vari Schick, , Karsdorp ed evitiamo di aggiungere i neo infortunati, che la differenza l’hanno già fatta nelle precedenti partite.Tra i punti di differenza, non può non essere citato l’allenatore, che lavora con la squadra dai primi di luglio, non da anni. Ma quel che ha fatto fino a ora, è già abbastanza e l’ultima vittoria a Milano non fa parte della casualità. «Credo che sia presto per parlare di scudetto ma noi stiamo trovando la strada giusta. Abbiamo dato un segnale importante», le parole di , presente ieri a una manifestazione benefica a Piacenza con la sua Onlus William Bottigelli, nata per il sostegno di persone affette da gravi malattie.

IL LAVORO DA FARE La Roma non gioca ancora a memoria, non esprime un calcio spettacolare per l’intera partita, ma dimostra di stare bene in campo. L’impatto che ha avuto l’allenatore sulla squadra è impressionante. Nemmeno Sarri (9 punti in sei gare alla prima esperienza con ) e Allegri (11 nel primo anno di Milan), al loro esordio sulla panchina di una big, hanno saputo fare meglio di Eusebio. Per non parlare dello romano di dodici anni fa, che in sei gare totalizzò 8 punti. Che la Roma oggi abbia un bravo allenatore, si vede anche dal rendimento del , in evidente difficoltà in questo momento. E’ chiaro che la differenza in campo la fanno i calciatori: non si può sorvolare sulle reti di (sette più una tra campionato e , con una media di 1 gol ogni 61minuti, compresi i due realizzati con la Bosnia), sul rendimento del (sei clean sheet, comprese le due di ),che ha preso gol solo con eUdinese (rete ininfluente), sulle delizie di gente come Pellegrini, , sulla vena di e Juan Jesus, sulla forza di , sulla classe ed esperienza di Kolarov e così via. La Roma nelle sei partite (deve recuperare la gara di Marassi con la Sampdoria) di campionato e in quelle di non è mai andata in svantaggio, segno che l’assetto difensivo regge bene, nonostante manchi qualche titolare. ha lavorato molto su Bruno , migliorato rispetto allo scorso anno, e su , che a 4 ora si muove meglio rispetto a una anno fa. E non ha mai sbagliato le scelte: il c’è, nonostante le assenze. Due giocatori solo hanno bisogno di riposare, Kolarov e .

LA RIPRESA La Roma, dunque, ha in numeri per giocarsela con le altre. Aspettando, alla ripresa del campionato, lo scontro diretto contro il , che dirà altro sul futuro dei giallorossi e sulle loro ambizioni. Dopo Milano, la Roma c’è, dopo la sfida contro il dovrà ancora esserci. Perché ora arriva il bello, ma anche il difficile.Ma le premesse, infortuni a parte, sono confortanti.