MARCANO: "Possiamo ripetere la Champions dello scorso anno"

11/02/2019 alle 15:47.
roma-vs-virtus-entella-coppa-italia-2018-2019-25

AS ROMA MATCH PROGRAM - Per Ivan Marcano quello con il Porto sarà un match ricco di emozioni. Quella portoghese infatti è la ex squadra del centrale della Roma che, nel match preview, ha parlato proprio della squadra di Conceiçao e del valore della gara di domani per lui e per i giallorossi. Questa un'anticipazione delle sue parole:

Conceiçao?
"È un allenatore super esigente, che chiede sempre il massimo ai propri giocatori. La scorsa stagione ha vinto il campionato con il Porto, impresa difficile, sta facendo un ottimo lavoro. Conosco il Porto, è la mia ex squadra. Sarà particolare, come sempre quando sei un ex. Si basano sul collettivo, non sono un insieme di individualità. Molti giocatori giocano insieme da anni ormai. Dovremo fare attenzione al modo in cui giocano come squadra"

L’assenza di Marega.
"Marega è un’assenza pesante, è un giocatore importante per loro, soprattutto negli spazi. È un giocatore veloce e molto forte fisicamente.  Penso che il Porto sentirà la sua mancanza. È vero che hanno giocatori altrettanto validi, ma nell’ultimo anno e mezzo ha fatto vedere grandi cose"

Sorteggio fortunato?
"Non si può mai dire, ma è vero che che nell’urna c’erano squadre davvero forti. Il tifoso avrà pensato che il Porto era l’avversario più abbordabile, ma non è così perché il Porto è una grande squadra e l’ha dimostrato. Ha chiuso in testa il proprio girone senza perdere neanche una partita, sarà un avversario difficile"

Sul giocare l’andata in casa.
"Ho sempre avuto pensieri discordanti a riguardo. A volte ho pensato fosse meglio giocare il ritorno in casa, altre volte che fosse meglio giocarlo fuori. Molto dipenderà dal risultato della gara di andata, vedremo se sarà un vantaggio o meno. In fin dei conti non cambia nulla, sarà importante non prendere gol nella gara di andata, visto che i gol in trasferta valgono doppio. È vero che stiamo subendo molti gol, dobbiamo lavorar di più e meglio. Sarà importante perché a livello realizzativo stiamo andando bene, quello che manca è un pizzico di sicurezza difensiva in più"

Servirà una prestazione da squadra.
"Credo non ci sia qualcuno in particolare che possa decidere la partita, dovremo deciderla come squadra. Dovremo provare a essere superiori, dovremo provare a dettare i nostri ritmi e a fare quello che sappiamo fare meglio. Dobbiamo imporci come gruppo piuttosto che pensare che un singolo possa decidere la partita"

La stagione.
"Abbiamo avuto periodi positivi e negativi, è stato come le montagne russe, una serie di alti e bassi. Credo che la Roma possa disputare una come quella dello scorso anno. Sarà difficile, prima di tutto dovremo superare il Porto, ma possiamo raggiungere un traguardo simile a quello dello scorso anno"

Sul momento della squadra
"Forse non è il nostro miglior momento, ma abbiamo ben figurato nella fase a gironi della , sono due competizioni diverse col campionato. La Roma ha disputato un’ottima stagione europea lo scorso anno, e sta facendo altrettanto nella stagione in corso. Approcceremo alla gara con una mentalità positiva perché siamo convinti di poter passare al turno successivo"