BALDISSONI: "La Roma non ha bisogno di soldi, il FFP obbliga al pareggio di bilancio. Contenti di tenere Dzeko. Presto il nuovo sponsor, lo stadio ci porterà a livelli di competitività più alti" (AUDIO)

31/01/2018 alle 14:01.
baldissoni-2-2

RADIO24 - Mauro , della Roma, è intervenuto ai microfoni dell'emittente radiofonica nel corso del programma "Tutti Convocati". Ecco le sue dichiarazioni:

Che farà la Roma nelle prossime otto ore?

Non credo molto, è arrivato un ragazzo che sta completando le visite mediche e sostituisce . Il direttore è in allerta fino all'ultimo, ma non sono situazioni che determinano in  modo particolare

Le voci su ? confermato. C'era bisogno di una cessione importante?

Questa città cade nel turbamento, non è che è necessario cedere. Sapete che da qualche anno le squadre non sono libere di agire per un regolamento internazionale, che è il Fair Play finanziaro che implica restrizioni nell'operatività. Essenzialmente bisogna raggiungere il pareggio del bilancio. Non è una questione di denaro, la società ci ha inviato circa 100 milioni nell'ultimo periodo. Se decidesse di mettere soldi di tasca sua non significherebbe sistemare il fair play finanziario, non rispetterebbe il parametro di bilancio. I contributi della società non vengono considerati attivi, anche perché l'introduzione del fair play nasce da questo motivo qui.

Perchè le cessioni a gennaio? 

Intanto abbiamo venduto un solo calciatore e solo ieri, era un'opportunità da ascoltare. Avendo necessità bisogna trasformarle in opportunità, avendo acquisito una società con una situazione debitoria in perdita e già soggetta a sanzioni bisognava abattere i costi di gestione e tornare competitivi, oppure investire e fare plusvalenze per sistemare il bilancio. La Roma con quest'ultima ha mantenuto la competitività. Se arriva un'offerta imprevista come successo con viene considerata. La Roma per lui ha mantenuto le sue richieste, non abbiamo accelerato e siamo felici di tenerlo perché è un grande campione.

Cosa si sente di dire ai tifosi della Roma, viste le cessioni e le difficoltà nel fare un progetto a lungo termine? 

Quando si acquista una società che ha un valore patrimoniale basso ed è in passivo o si abbattono i costi di gestione e si ricomincia da zero o si fa quello che abbiamo fatto noi. I costi di gestione della Roma finiscono nell'80% nei salari dei calciatori, siamo la seconda rosa come costo di gestione della Serie A pur avendo il quarto o quinto monte ricavi. Le cessioni sono funzionali alla competitività della squadra: l'obiettivo è stato raggiunto, le cessioni sono una necessità perché condizionate da regole internazionali

Buona parte del malumore nasce dalla dinamica sportiva di questa squadra e gli investimenti che non stanno rendendo come ad esempio Schick

I soldi non sono spesi solo in nuovi calciatori ma anche in rinnovi molto onerosi: abbiamo rinnovato a , e . C'è la volontà di tenere calciatori con profili internazionali, se poi i risultati non arrivano è evidente che bisogna fare meglio in campo. Siamo stati competitivi fino alla prima metà di dicembre, da lì in poi le prestazioni non sono all'altezza delle aspettative. La delusione della gente è giustificata, anche noi stiamo così e capiamo lo sfogo

Quanto pesa la prossima qualificazione alla ?

Abbiamo ceduto che ha giocato zero minuti e sostituito da Jonathan Silva che ha giocato la con lo Sporting. Abbiamo una tematica in corso con l'Uefa e siamo fiduciosi in virtù di questo percorso. La volontà di rispettare il fair play senza trucchi, abbiamo sforato un solo parametro e solo nell'ultimo anno, se continuiamo ad operare così l'Uefa dovrà considerare la buona volontà e l'impegno dimostrato e consentirci di operare così senza sanzioni

Lo stadio quanto potrà incidere? Lo sponsor? 

Lo sponsor principale di maglia è solo una voce a livello di sponsorizazioni, ma se prendiamo in esame lo sponsor del 2013 che dava meno della metà rispetto ai nostri competitor in Italia abbiamo scelto di rinunciare offerte ttroppo basse per ridare valore al nostro club e riteniamo di essere molto vicini dei risultai positivi ed annunciare sponsor con brand internazionali con accordi pluriennali. Lo stadio è il vero volano della nostra società, abbiamo spesso fatto riferimento ad altre realtà come l'Allianz Arena ma il più facile è quello della .: hanno fatto +175% sui ricavi annui. La nsotra opera costerà 800 milioni, 200 solo della società, ci darà dei costi di gestione sportiva per ambire a risultati sempre maggiori, rido quando sento che vuole fare lo stadio per guadagnarci da solo, è ovvio che l'investimento così da un incremento di ricavi che altrimenti non sarebbe in grado di portarci ad un livello di competitività alto

La trattativa può aver dato fastidio alla squadra? 

Questo darebbe alibi, se pensiamo che ci sono performance negative in base alle trattative di mercato è impensabile. I problemi sono nati a mercato chiuso, a metà dicembre

Le ultime partite hanno lasciato messaggi contraddittori. A Milano buoni settanta minuti, a Genova così e così poi con la Samp la sconfitta 

Questa squadra dimostra una costante: quando si stacca dagli obiettivi che dovrebbe avere, dimostra un calo mentale che sono caratterizzate da timore. Abbiamo visto a San Siro: abbiamo giocato e poi c'è venuto il braccino, una squadra che gioca con la paura entra in un periodo di crisi. Su questo tema ci interroghiamo molto, sappiamo che è l'ultimo passaggio che dobbiamo fare, dobbiamo lavorare per arrivare a vincere un trofeo, dobbiamo avere il coraggio per competere con gli obiettivi che ci diamo, altrimenti si sfocia in frustrazione e rabbia

Il VAR? 

Non può garantire la giustizia assoluta, perché le decisioni sono comunque soggette ad interpretazione umana. Vedere un gol e non sapere se sarà convalidato è un aspetto estremamente negativa se poi non viene ripagata da una giustizia assoluta