Shakhtar, Fonseca: "Studierò la Roma ma senza mandare osservatori a seguirla"

20/01/2018 alle 19:35.
fonseca-shakhtar

Paulo Fonseca, tecnico dello Shakhtar Donetsk, ha parlato sul sito ufficiale del club ucraino nel post partita dell'amichevole tra la sua squadra ed il Ludogorets, terminata sul risultato di 2-2. Ecco le sue dichiarazioni:

Paulo, è chiaro che il risultato della prima partita  non è la cosa principale. Cosa hai chiesto ai calciatori? 

Sì, il risultato in questi periodi non è il più importante. Abbiamo incontrato la capolista del campionato bulgaro, che ha superato con successo la fase a gironi dell'Europa League. Forse il primo tempo non ha funzionato troppo a causa della fatica, perché stiamo facendo due allenamenti intensivi al giorno. Tuttavia, hanno realizzato ciò che era stato pianificato sul campo. Ho visto chi è pronto e che la squadra è presente al momento. 

Tutte le impressioni positive sono state eclissate dagli infortuni di Bernard e Alan Patrick. Quanto sono gravi le loro ferite?

Alan Patrick ha avvertito un problema alla schiena e abbiamo deciso di sostituirlo, poiché ora non è necessario rischiare i giocatori. Bernard si è lamentato del dolore alla spalla e ho scelto di giocare gli ultimi 10 minuti senza di lui. Oggi è stato importante verificare come i ragazzi sono pronti in questa fase e sentire il ritmo del gioco con l'intensità dell'allenamento 

Potrebbe segnalare qualcuno?

No, non vorrei. Il primo tempo a causa della fatica è stato un po' lento, la ripresa mi è piaciuta di più.

Questo fine settimana, riprende il campionato italiano. Come monitorerai la Roma? Hai in programma di mandare qualcuno in Italia a guardare con i propri occhi?

Cerco sempre di studiare l'avversario, osservando assolutamente tutte le sue partite. Lo farò anche nel caso della Roma. No, non manderemo nessuno in Italia, non l'abbiamo mai fatto, non saremo neanche qui. Oggigiorno le tecnologie informatiche sono le più accessibili: puoi vedere tutte le partite senza uscire di casa. 

(shakhtar.com)

VAI ALLA NOTIZIA ORIGINALE