DI FRANCESCO: "Juve-Roma ci dirà quanto siamo forti, ma prima testa alla Coppa Italia: turno da passare per crescere" (AUDIO)

19/12/2017 alle 18:34.
di-francesco-conf-4-3

torna a parlare. In luogo della tradizionale conferenza stampa prepartita, il tecnico giallorosso ha concesso due interviste alla vigilia del match di Coppa Italia con il Torino, in programma domani alle 17.30.

Questo il suo intervento andato in onda nell'edizione delle 18.30 del Tg Sport della Rai: (ASCOLTA L'AUDIO):

Sfida di Coppa importante in ottica ?
Vedremo, il nostro pensiero adesso è alla Coppa Italia, è ovvio che sarebbe importante passare il turno per il morale. Vincere aiuta a vincere, ci preparerebbe al meglio per la

Un match scudetto determinante?
E' una sfida importante, ci sono tante altre partite ma quella di domenica ci dirà tanto, anche dal punto di vista della forza. Andremo ad affrontare al meglio questa gara per uscirne con un buon risultato.

Come si presenta la Roma con il Torino?
Sicuramente loro vorranno far bene, anche se cambierò tanti elementi rispetto all'ultima gara vogliamo passare il turno ed andare avanti in Coppa.

Si parla di Schick nuovamente punta centrale, a che punto è l'aspetto offensivo?
Dobbiamo migliorare ancora per attaccare meglio la porta, creiamo tanto ma sotto porta siamo poco cinici e determinati, stiamo lavorando su questo. Schick deve essere uno di quegli interpreti che deve migliorare sia la condizione fisica sia l'aspetto tattico, per quelle che sono le mie esigenze.

E l'intesa con ? Giampaolo aveva parlato di difficoltà a giocare a destra di Schick...
Giochiamo in tre davanti, non in due, si gioca di reparto. Ci vuole un periodo di assimilazione, come tante altre volte siamo troppo frettolosi, ma io non lo so. Aspetto risposte migliori. Riguardo i pensieri degli altri, stimo Giampaolo, è un amico ma i suoi sono pensieri personali. Io ho i miei.

(rai sport)


L'allenatore giallorosso ha poi parlato anche ai microfoni del canale ufficiale del club. Questo il suo intervento (ASCOLTA L'AUDIO):

Siete protagonisti in campionato e , cosa rappresenta la Coppa Italia?
Al di là del fatto che cambierò, come già fatto, ritengo che dobbiamo avere l'obiettivo di passare il turno per crescere come mentalità, senza mai sottovalutare nessuna competizione

Molte volte la Coppa Italia viene snobbata, almeno fino agli ottavi.
E' qualcosa che non condivido, per noi entrare dagli ottavi è un vantaggio. Ritengo che avere l'ambizione di poter vincere è qualcosa che serve per crescere e migliorarsi. E noi non dobbiamo sottovalutare nulla.

Vedremo una formazione molto diversa?
Vedrete giocatori che hanno giocato anche le gare precedenti, che hanno giocato spesso. 3 partite di fila è fisiologicamente impossibile farle ad un certo livello.

In attacco può cambiare qualcosa? Schick centrale o si continuerà a lavorare sull'intesa con
Adesso c'è il fatto che Edin non è stato bene, ha avuto una brutta influenza, lo valuterò ma l'idea è che Schick possa giocare davanti, non avendo nemmeno Defrel disponibile

Il turno di Skorupski?
Lukasz giocherà sicuramente dall'inizio, è un'occasione importante per mettersi in mostra, ma. Si è allenato sempre bene, spero possa fare un'ottima prestazione, per dare magari continuità ai turni successivi

Il Torino, che livello di difficoltà rappresenta?
Hanno messo in difficoltà tutte le grandi, hanno fatto risultato a San Siro. Non avendo altre competizioni, loro punteranno molto sulla Coppa Italia. Sicuramente Mihajlovic metterà in campo la miglior formazione, dobbiamo stare attenti. Nonostante il ko con il , nelle partite precedenti ha fatto buone partite. Con il hanno fatto fatica ma sono in ottica condizione

Il quarto di finale con la uno stimolo in più?
Ragioniamo solo sul Toro. Deve essere questo lo stimoli, a prescindere dall'avversario. E' la dimostrazione di come ho preparato la gara con il Cagliari, quando tutti pensavano che non avrebbe giocato. Dobbiamo prendere tutte le partite nel modo giusto, senza pensare alla gara successiva.

(roma tv)