Aspettando Toni, ritorna la coppia Totti-Vucinic

04/02/2010 alle 03:18.

IL ROMANISTA (G. RICCI) - In attesa di Luca Toni, che dovrà comunque attendere ancora un bel po’ prima di tornare in campo, questa sera contro l’Udinese i tifosi giallorossi potranno almeno rivedere all’opera la coppia Totti-Vucinic. Il numero 10, sempre in gruppo negli ultimi giorni, ha recuperato quasi completamente dall’infiammazione tendinea al ginocchio destro. Ora deve soltanto ritrovare con la necessaria gradualità il top della condizione. Obiettivo che si può raggiungere solo giocando, senza però sottoporre la gamba destra a sforzi massimali come una partita intera. Com’è accaduto a Torino con la Juventus, interrompendo di fatto (per necessità di squadra) il programma di recupero personalizzato. A posto anche Mirko, assente domenica scorsa contro il Siena a causa di una fastidiosa contrattura ai flessori di una coscia. Pure il centravanti montenegrino da lunedì scorso ha ripreso a lavorare regolarmente con i compagni.

Certo, magari al ventiseienne di Niksic, in questa semifinale d’andata di Coppa Italia, si potranno eventualmente chiedere quei 90’ che invece il , per forza di cose, non è ancora in grado di avere nelle gambe. , in

ogni caso, è pronto a dare il suo apporto per un’ora di gioco, poco più o poco meno. Magari come test per capire se invece domenica sera, a Firenze contro i viola, potrà disputare tutta la gara.

 

L’ultima volta che i due sono scesi in campo insieme risale a -Roma di due sabati fa, sebbene in quell’occasione Francesco non abbia fatto parte della formazione iniziale, subentrando a Toni dopo cinque minuti o poco più. Tra l’altro trasformando il rigore del momentaneo pari, prima del gol-vittoria di Riise.

 

In precedenza la coppia -Vucinic ha trovato spazio nel vittorioso derby con la Lazio, ma andando indietro di un paio di mesi c’è un altro precedente da ricordare. E’ la sfida di Europa League all’Olimpico col Basilea, datata 3 dicembre 2009: 2-1 finale per la Roma con le reti del e di Mirko dopo l’iniziale vantaggio elvetico. Tra i due attaccanti l’intesa è praticamente perfetta, si trovano ad occhi chiusi e oggi potrebbero essere proposti da Ranieri uno al fianco dell’altro, in un 4-3-1-2, davanti a Perrotta che dovrebbe agire tra le linee.

Tra l’altro a l’Udinese porta fortuna ed è una delle sue vittime preferite. Basti pensare che contro i friulani è già andato a segno la bellezza di 12 volte in carriera. Nella seduta di rifinitura Claudio Martello ha fatto le prove generali per questa sera, proponendo la stessa accoppiata d’attacco nella parte dedicata alla tattica e in una breve partitella.