SEMAFORO ROMA - VERDE: Perrotta - GIALLO: Torosidis e De Rossi - ROSSO: Osvaldo, Burdisso e la sostituzione di Totti

09/03/2013 alle 17:57.

Nuovo appuntamento con 3 colori, 1 semaforo, miniguida alla stagione giallorossa che per ogni partita del campionato analizzerà pregi e difetti che si sono manifestati prima, durante e dopo le imprese dei giallorossi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

















VERDE:

- Se Simone Perrotta - quasi ignorato per due terzi di stagione con un minutaggio da "Primavera" a dispetto dei suoi 36 anni - è il migliore in campo, la teoria di una serata poco felice viene subito avvalorata.







 









 





GIALLO:

- . Anche lui corresponsabile sul pareggio di Muriel, ha comunque avuto la forza di guadagnarsi un rigore e mezzo. Per tutti, non per l'ineffabile arbitro Guida.

- chiude bene molti varchi sulle sortite offensive avversarie ma é troppo macchinoso in fase di impostazione.





 











 

 

ROSSO:

- Osvaldo al novantesimo spegne le residue chances giallorosse di sognare il terzo posto. Da evitare il rischio che ora, dopo il suo macroscopico errore, cali il sipario anche sulla nuova Roma. Di sicuro, le percentuali della sua permanenza nella capitale raggiunge i minimi storici.

- Burdisso abbocca alla finta che propizia l'1-1 come un principiante. Il resto lo fa Stekelenburg, che rovina il ricordo dell'ottima parata dopo quattro minuti su Di Natale.

- , ispiratore unico dell'anemica fase offensiva della squadra, lascia il campo attonito dopo un quarto d'ora della ripresa.
Il cambio poco comprensibile di Andreazzoli fará discutere.