ROMA-SAMPDORIA: le pagelle. ALISSON "FenomenAlisson" 7,5 - DZEKO "Involucro" 4

28/01/2018 alle 23:28.
as-roma-v-uc-sampdoria-serie-a-88

LAROMA24.IT (Mirko Bussi) - I 7 vizi capitali: la serie negativa s'allunga fino a trovare una sconfitta interna con la Sampdoria. Una Roma tremolante, nonostante l'occasione di riprendere in mano il 4° posto, viene tenuta in piedi da  per un tempo. Poi il dinamismo di Under e Pellegrini viene smorzato dalle scelte nei cambi di .

7,5 - Per un periodo è vs tutti, dando l'idea che neanche se calciassero due palloni simultaneamente ci sarebbero possibilità di segnare. FenomenAlisson.

4,5 - Dal suo piede la partita s'annoda ancora più malignamente.

5,5 - Smarrito il libro delle letture difensive, gli resta la guerriglia nella quale riacciuffa parti di sufficienza.

JESUS 5 - Non è un giocatore "madre", quindi prende nutrimento da ciò che lo circonda. E se il nettare è avvelenato tornano gli antichi malanni.

KOLAROV 5 - Figurante. Resta seduto sulla corsia sinistra.

PELLEGRINI 6 - Lista della spesa completa: nel carrello mobilità costante, attacchi alla profondità, combinazioni. Poi si perde alla cassa quando deve validare tutti i buoni riscossi lungo il campo. DAL 70' DEFREL 4,5 - Porta più ostacoli che scorciatoie.

5 - La presenza di Ramirez gli fa perdere l'orientamento, portandolo più a duellare che ad amministrare, come dovrebbe un regista.

4 - I sapori intensi della proteina belga vengono sminuzzati tra errori tecnici e un agonismo stanco.

UNDER 6 - Nel primo tempo sono più ronzii, tra i quali anima comunque il pallone del rigore, nella ripresa dà forma concreta alle intenzioni, almeno finché gli è concesso. DAL 72' 4,5 - Senza averne preso nota, difficilmente si ricorderebbe del suo ingresso.

4 - L'involucro di se stesso.

5 - La sua prestazione nasce e muore su un tiro al volo parato da Viviano. DAL 78' ANTONUCCI SV - Uscito dalla lampada 4 giorni fa, il trucco non riesce di nuovo. Anzi, fallisce la chiusura sul pallone che sarà destinato a Zapata.

DI FRANCESCO 4 - 7 partite senza vittorie, 7 gare consecutive con gol subiti, appena 5 fatti nel fuori pista giallorosso che ha rimpicciolito il campionato alla mera corsa . Neanche di fronte all'occasione di rimettersi in carreggiata col 4° posto si riaccende la scintilla della squadra, che presto viene spenta dall'introduzione del cambio automatico: quindi fuori Pellegrini (perché?), dentro la quarta punta, fuori un esterno (perché Under?), dentro un altro fino al gesto apotropaico di inserire Antonucci. Caos calmo.