La scuola di DiFra lo ha plasmato, ora Justin vuole prendersi la Roma

14/09/2018 alle 07:56.
as-roma-allenamento-pomeridiano-48

(...) Justin Kluivert, invece, non si è mai perso in campo, lui che da quando è a Roma ha fatto già intravedere quello di cui è capace di fare. Strappi, doppi passi, sterzate, finte e assist. Il repertorio è completo, adesso ha bisogno solo di andare in scena dal via, a sipario appena alzato. Già, perché finora Kluivert ha giocato due delle tre partite ufficiali della Roma ed in entrambi i casi (contro Torino e Atalanta) è subentrato in corsa, nella ripresa. Adesso, in questo ciclo di tre partite in otto giorni (Chievo, e ) va a caccia della prima da titolare. Magari potrebbe succedere già domenica con il Chievo. Justin, ovviamente, sta provando a mettere in difficoltà fino alla fine . Che, a conti fatti, potrebbe decidere di dargli spazio anche a destra, magari preservando Under per la sfida di mercoledì prossimo a , con il , per l’esordio in .

(...) Già, anche perché gli sta insegnando un modo nuovo di giocare, l’esterno moderno: un po’ più dentro il campo, un po’ più vicino alla punta centrale nel suo . E poi lo stare compatti in fase difensiva, quel gioco ad allungarsi e stringersi a secondo delle fasi che sembra quasi un elastico, pronto ad allungarsi palla al piede ed a riaccorciarsi quando c’è da dare una mano in fase di non possesso. Insomma, tatticamente Justin sta ancora andando a scuola, ma è chiaro che stiamo parlando di uno di quegli alunni che ha tanto talento. E che, il che non guasta, ha anche una grande voglia di apprendere. Anche se poi, ovviamente, c’è anche chi la pensa in modo diverso. Peter Bosz, per esempio, che ha avuto Kluivert a sua disposizione agli albori, fino al 2017, quando allenava l’Ajax (...): "Fosse rimasto ancora all’Ajax avrebbe rischiato di giocare quasi 50 partite, cosa che chiaramente a Roma non potrà succedere. È un peccato che Justin non sia ancora riuscito a diventare titolare nel club giallorosso, in questo momento ha soprattutto bisogno di giocare. Ma è ancora presto e sono certo che in tempi rapidi si prenderà la scena e si imporrà da protagonista anche nel calcio italiano".

Del resto, Kluivert sta lavorando sodo proprio per questo. Vuole lasciare il segno e vuole iniziare a farlo anche presto. Oddio, l’assist di Torino a qualcosa lo ha già lasciato nella stagione della Roma, non fosse altro perché quella finora è l’unica vittoria giallorossa. E se l’ha marchiata a fuoco, Kluivert ci ha messo anche il suo timbro. (...)

(gasport)