La Serie A va in paradiso (fiscale)

12/08/2018 alle 11:08.
fbl-eur-c1-realmadrid-roma-12

L'ESPRESSO (G. TURANO) - Vent'anni dopo, ritorna il campionato più bello del mondo. A sorpresa, nel punto più basso di una crisi tecnica che ha tolto la nazionale di calcio dal Mondiale di Russia, che vede la Figc commissariata da mesi e incapace di eleggere un presidente almeno fino a novembre, con i calendari di B e Lega Pro in alto mare, i fallimenti, gli illeciti sportivi, le finte plusvalenze, i ripescaggi, le penalizzazioni, i nuovi stadi che portano dentro vecchie galere, i prestanome di HongKonge, insomma, quando il pallone era un passo dal baratro, l'uomo venuto da Madeira, l'eroe impomatato che uncina il pallone dove osano le aquile, Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro, ha rovesciato il risultato come solo un fuoriclasse sa fare. Dietro di lui è in arrivo la valanga. E Sulle orme del portoghese si sono mossi il migliore giocatore del Mondiale, il centrocampista Luka Modric, e il neocampione del mondo Didier Pogba, desideroso di tornare alla che lo ha lanciato giovanissimo. El Pipita Gonzalo Higuaín aveva offerte nella Premiership inglese, il campionato più ricco del globo, ma è rimasto in Italia. Giocherà nel Milan del gruppo statunitense Singer, una macchina da guerra che gestisce 38 miliardi di dollari e che avrebbe adocchiato un altro vecchio pallino della Fininvest, il sistema Mediobanca-Generali. Anche il belga ha preferito restare in A, dalla Roma all'. Unico top-player straniero in uscita è un altro romanista, il del Brasile . Continuerà la fuga dei cervelli ma la grandeur dei piedi sta tornando in serie A. Vale la pena di chiedersi perché.

ARRIVI - Chi ha convinto CR7 a venire alla ? Il suo agente e connazionale, il potentissimo Jorge Mendes? Il progetto di mister Massimiliano Allegri? La serietà e la mentalità vincente del club di casa Agnelli? Niente di tutto questo. L'uomo che ha convinto Cristiano fa la stessa professione di chi ha convinto Modric, Higuaín e gli altri supercampioni che si metteranno la fila per giocare in Italia. È un fiscalista e ha presentato due argomenti irresistibili. Ecco il primo. Dal suo buen retiro estivo di Milano Marittima il vicepremier leghista-milanista Matteo Salvini ha annunciato che in autunno partirà "la rivoluzione delle tasse, promessa in campagna elettorale e ribadita nel successivo contratto con i grillini. Dall'anno fiscale 2019 il governo darà al cinque volte Pallone d'Oro il più colossale aumento di stipendio della sua vita. Il calcolo è semplice. Con la tassazione attuale la mette in busta paga all'attaccante 60 milioni lordi all'anno che diventano 31,7 netti se si applica l'aliquota mas - del 5 agosto, all'Internatlonal Cup sima Irpef (43 per cento), l'addizionale regionale del Piemonte (3,3 per cento) e l'addizionale comunale di Torino (0,8 per cento). C'è chi vive con meno ma lasciamo perdere i morti di fame. Con l'introduzione della flat tax (20 per cento, più 4,1 per cento di addizionali) CR7 incasserà 45,5 milioni netti. Se la flat tax è in rampa di lancio, il secondo argomento fiscale è già legge. In Italia CR7 pagherà sulle sponsorizzazioni un forfait di 100 mila euro all'anno per quindici anni. Lo prevede una norma inserita nella Legge di Bilancio del 2017, ribattezzata "attira-ricchi" e varata dal centrosinistra. Secondo Forbes, la rivista Usa specializzata nelle classifiche dei ricchi, CR7 ha guadagnato 108 milioni di dollari (poco meno di 100 milioni di euro) nella stagione 2017-2018, un po' più di 2 milioni di euro per ognuno dei 44 gol realizzati. In Spagna si paga l'Irpef, l'imposta sulle persone fisiche, sia sullo stipendio versato dal club sia sui 47 milioni di dollari che Cristiano incassa da sponsor come Nike, Herbalife, Electronic arts. Il tentativo di collocare questi introiti in società offshore delle British Virgin Islands per evitare le tasse ècostato al portoghese un processo penale davanti alla corte di con il rischio di due annidi galera commutati in una purga amministrativa da 18,8 milioni di euro. Dopo il trasferimento di CR7 a Torino, basta tasse sugli sponsor. I 100 mila euro di prelievo sui ricavi d'immagine superano di poco la paga quotidiana dell'attaccante senza flat tax (87 mila euro) e saranno di poco inferiori con flat tax (124 mila euro). L'accordo con Nike per ora è il più ricco. È a vita e, secondo Forbes, vale oltre 1 miliardo di dollari. Voci accreditate parlano di un altro megacontratto in arrivo come uomo immagine di Jeep (gruppo Fca). Tutti i top-player del mondo sono potenzialmente interessati all'italian job perché tutti ormai hanno una quota di sponsor che avvicina, e talvolta supera, l'ingaggio. Basta sommare la flat tax con la norma "attira-ricchi", che non ha uguali né in Francia (con un'aliquota abbassata dal 45 al 17 per cento) né in Svizzera, senza contare i disagi di giocare nel Servette o nel Grasshoppers. Il risultato dell'addizione è chiaro: l'Italia diventerà il paradiso fiscale dei campioni. I portoghesi lo hanno fatto con i nostri pensionati. Noi lo abbiamo fatto con il capitano della loro nazionale.

RITORNI -  Il pacchetto CR7 ha già avuto un impatto visibile su tutto il sistema. Dal lato , ogni rosea aspettativa sul merchandising è stata superata. In tre settimane dall'annuncio dell'acquisto sono state esaurite le scorte di un anno di magliette del campione con proiezioni di merchandising oltre i 50 milioni. Il primo effetto sul botteghino è stato ancora più evidente. L'esordio di sabato 18 agosto, primo match della stagione di serie A e di CR7, ha mandato in tilt il servizio vendite della squadra ospite. In poche ore, dalle 15 alle 20 del primo agosto, il Chievo ha venduto 12814 biglietti contro una media stagionale 2017-2018 di 12540 inclusi 7 mila abbonamenti. Il pienone è assicurato e si ripeterà in molti, se non tutti, gli stadi italiani. Il maggior numero di ritorni si registra sul fronte Milan. Uscito di scena il fallito Yonghong Li e i suoi fedelissimi, con strascico di inchieste penali e liti civili, c'è stata una breve riproposizione di candidature come quella di Rocco Commisso, paisà calabrese con Mba alla Columbia di New York che anni fa aveva mancato l'acquisto della Reggina. Poi, come era prevedibile, il fondo Elliott ha preso i comandi. Il summit chiave per il futuro del club si è tenuto ad Arcore dove il presidente incaricato Paolo Scaroni, altro "Columbiano", ha incontrato per qualche buon consiglio Silvio Berlusconi e il neodeputato di Forza Italia Adriano Galliani, ex ad dei rossoneri in formato Fininvest. È tornato Leonardo. È tornato Paolo Maldini, già bocciato come dirigente sotto Galliani, insieme a Kakà. Non tornerà Mister Li, in ritirata come gli altri capitalisti cinesi che hanno pompato oltre 2 miliardi di euro nel football europeo nel 2014-2017 e che, salvo l'interista Zhang Jindong (gruppo Suning), hanno obbedito al "contrordine, compagni" del presidentissimo Xi Jinping.

(TELE) VISIONI - La ronaldite dovrebbe avere ripercussioni al rilancio anche sugli abbonamenti pay. Ma CR7 è arrivato a contratti tv già firmati e la Lega ci ha guadagnato poco. Il presidente Gaetano Miccichè, ex Banca Intesa, ha più che altro pensato a non prenderle migliorando di poco il livello di introiti dai diritti tv (+18 milioni di euro rispetto al triennio precedente) e convincendo il management titubante di Tim a rimanere sponsor del campionato. Dopo il pasticcio della prima assegnazione agli spagnoli di Mediapro, revocata per carenza di garanzie finanziarie, Sky rimane il primo finanziatore del pallone ma ha dovuto rilevare sul mercato cosiddetto "di ritrasmissione" il pacchetto di tre partite per turno di campionato, aggiudicato alla new entry Dazn (pronuncia "Da Zone") del gruppo Perform. Lo stesso ha fatto Mediaset per dare contenuti alla già pericolante Premium. La visione del calcio da quest'anno è una piccola rivoluzione non solo perché i pacchetti sono stati venduti per fascia oraria anziché per piattaforma (satellitare, dt, web, etc), ma anche perché consentirà ai broadcaster di alzare il livello dell'arpu, sigletta magica che sta per average revenue per unit e dice quanto si ricava dal singolo abbonato. Arpu in crescita significa, terra terra, che guardare in diretta Chievo- su schermi, computer e playstation costerà un bel po' di più al tifoso (vedere anche a pagina 94). L'inserimento nei pacchetti di app, smart-tv e banda larga, è una scommessa sul futuro perché vuole sfondare il tetto di abbonati pay, fermo poco sotto i 5 milioni per Sky e poco sotto 1,5 milioni per Premium. Anche a questo giro di diritti, puntuale, è scattato lo psicodramma degli highlights in chiaro sul servizio pubblico. Novantesimo minuto, dato per morto come avviene a ogni rinnovo dei diritti, sopravviverà per il prossimo triennio. La Rai al guado fra gestione renziana e new wave grillo-leghista si è anche comprata da Daznuna diretta di serie B al venerdì sera con un rilancino da 2,7 milioni di euro. Non è proprio il colpo dell'anno. Pesa ancora la catastrofica rinuncia all'asta per i matchdi Russia 2018, trasmessi in chiaro da Mediaset con 297 milioni di spettatori complessivi (+19,7 per cento su Brasile 2014). È il calcio moderno, bellezza. Se non si investe, non si vince.

RIFORME - Il leghista Giancarlo Giorgetti, sottosegretario con delega allo sport e tifoso del Southampton nonostante la parola South, sta ancora lavorando con il commissario Roberto Fabbricini per definire una data per le elezioni della Federcalcio. La speranza è di farcela entro l'anno cioè con la dovuta calma. Intanto il pacchetto di novità introdotte della precedente gestione Tavecchio-Uva, travolta dalla mancata qualificazione ai Mondiali, presenta lo stesso bilancio di qualunque altra riforma strutturale in Italia. Voto in pagella: 5. Fra le cose che hanno funzionato c'è il campionato dei giovani, la Primavera, diviso in due categorie con promozioni e retrocessioni come accade nei tornei professionistici. L'altro passo avanti a tutela dei vivai doveva essere la formazione di squadre B da parte dei grandi club di A in modo da ridurre il viavai dei prestiti per chi non trova posto in prima squadra. Il modello spagnolo verrà applicato dalla stagione 2018-2019 ma soltanto la ha seguito il suggerimento. I bianconeri hanno chiesto di iscriversi al girone A della vecchia serie C sconvolta, come accade da diversi anni, dal caos di fallimenti ed esclusioni per motivi finanziari. Aurelio De Laurentiis si è già dichiarato contrario a creare una squadra B. Il presidente del ha seguito la strada del collega Claudio Lotito, proprietario di Lazio e Salernitana, e si è comprato il Bari, che è fallito e ripartirà dalla D o forse dalla Lega Pro. La multiproprietà è un vecchio arnese del calcio anni Novanta, quando Calisto Tanzi (Parma) faceva shopping di club all'estero, come fa ancora l'udinese Giampaolo Pozzo che ha ingaggiato per la sua Primavera Francesco Renzi, figlio del leader-non leader del Partito democratico. La multiproprietà ha funzionato soltanto per creare triangolazioni vorticose di calciatori finalizzate alle plusvalenze fittizie e alla creazione di fondi neri, come mostra la recente inchiesta giudiziaria in Spagna sui Pozzo anticipata da Repubblica. a parte, sulle squadre B gli altri grandi club hanno risposto con un grande "armiamoci e partite", nonostante i costi siano limitati (fra i 3 e i 4 milioni di euro annui) e non incidano sui parametri del fair play finanziario, se una cosa simile ancora esiste. La Lega di serie A ha evitato un approccio dirigista. Così sulla riforma delle giovanili i club sono andati in ordine sparso. La Roma forse si organizzerà per la stagione 2019-2020. L' ci ha pensato poi ha detto no, grazie. Il Milan sembrava intenzionato a creare la sua seconda squadra. Ma il cambio di assetto manageriale ha spedito il pallone in tribuna. Ninete squadra B. Piuttosto, cherchez la femme, hanno detto a Milanello. L'altra grande riforma, imposta stavolta dalla Fifa, la federcalcio mondiale, prevede infatti che i grandi club si dotino di una squadra femminile. Il Milan ha risposto all'appello. Ha organizzato uno staff da dieci persone guidate dall'ex campionessa Carolina Morace e si è comprato i diritti del Brescia calcio ridipingendo di rossonero le vicecampionesse d'Italia. La ancora una volta ha giocato d'anticipo sulla concorrenza, rilevando il titolo del Cuneo l'anno scorso e lanciando una campagna acquisti con budget illimitato. Il risultato è stato lo scudetto, in una finale trasmessa in diretta dalla Rai con meno di 4 mila spettatori in tribuna. Nella speranza di rimpinguare il botteghino, le società dilettantistiche saranno sostituite dai club professionistici, i soli che hanno i mezzi economici per rilanciare un settore così vivace da conquistarsi la qualificazione ai Mondiali di Francia del 2019. In attesa di capire se si potrà chiamare mister anche il tecnico della Rita Guarino o il ct della Nazionale Milena Bertolini, si intuisce che la strada delle ragazze verso la considerazione di cui godono i colleghi è ancora lunga. Si è visto di recente quando, durante una trasferta del , i maschi hanno viaggiato in business class e le donne in economica. Se si valutano i fatturati, le calciatrici dovrebbero andare in autostop. Se si pensa alle pari opportunità, è ancora Medioevo.