Tecnico e senatori, che gran rivincita

04/03/2018 alle 08:34.
ssc-napoli-v-as-roma-serie-a-67

IL TEMPO (E. MENGHI) - Rieccoli. Finalmente. I senatori «salvano» tirando fuori la loro personalità nel momento del bisogno, portando la Roma oltre l’ostacolo della rimonta e superando la prima difficoltà firmata Insigne. È una squadra che crede in quello che fa, il discorso a cuore aperto dell’allenatore allo spogliatoio deve aver smosso i punti giusti e, soprattutto, sembra aver portato ad un sano compromesso. Basta vedere , quello vero, muoversi a tutto campo come ai vecchi tempi, alla faccia del duro intervento al dente subito in settimana. La rivincita più significativa se la prende , al San Paolo ha giocato tre partite con la maglia giallorossa segnando quattro gol, una doppietta decisiva ieri e forse quello che gli serviva per sbloccarsi mentalmente. Peccato che debba fermarsi sul più bello, la foga ritrovata gli è costata un’ammonizione pesante che gli farà saltare il Torino al pari di , un gigante in difesa contro i piccoletti del , e ben assistito da . Il greco ha sbagliato in occasione della prima rete azzurra, ma con il salvataggio su Zielinski dopo uno dei tanti miracoli di si è fatto perdonare e da lì in poi è stato un crescendo. ha avuto a che fare con il migliore degli avversari, Insigne, ma la respinta sulla linea di porta in stile contro lo Shakhtar sulla punizione a due dentro l’area è stata il suo riscatto difensivo in una gara in cui comunque si è distinto in avanti per i suoi cross.

è tornato ad essere muro davanti alla retroguardia, le ha prese praticamente tutte e si è dovuto arrendere nel finale dopo un colpo subito. Sono i leader ad aver preso per mano la squadra, gli uomini più attesi che spesso hanno tradito le aspettative e, scoprendosi con meno pressioni addosso dopo il risultato di Lazio-, sono usciti fuori dal guscio. Ma dietro il gruppo c’è , questa è anche la sua rivincita, il segnale chiaro che la squadra è con lui e dopo essersi guardati in faccia è arrivata la soluzione, servita direttamente sul campo: un poker contro pronostico alla capolista.