Ubriaco alla guida, Bruno Peres si schianta

06/02/2018 alle 07:53.
ac-chievo-verona-v-as-roma-serie-a-15

IL TEMPO (A. AUSTINI) - Tanta paura, per fortuna nessuna conseguenza fisica, ma l’ennesimo colpo a un’immagine compromessa da tempo. Bruno ne ha combinata un’altra, schiantandosi con la Lamborghini all’alba contro un albero in zona Caracalla, di fronte alla sede della Fao. Una serata andata per le lunghe, una cena sfociata in altro al rientro da Verona e alla vigilia di un giorno di riposo, qualche bicchiere di troppo risultato fatale. Erano passate da poco le 5 di lunedì mattina quando , guidando in direzione San Sebastiano, ha perso il controllo dell’auto, una Lamborghini Aventador bianca presa in leasing. La corsa della vettura è finita contro un albero in una strada deserta, visto l’orario. Al fianco del calciatore romanista c’era una donna, uscita illesa anche lei dall'incidente, che non ha coinvolto altre auto o persone. La Lamborghini ha subìto danni sul fianco sinistro, alla ruota anteriore e ai vetri, con tanto di specchietto retrovisore volato via. Intervenuti sul posto i vigili del I Gruppo Trevi, i Carabinieri e un’ambulanza del 118, come da prassi Bruno è stato sottoposto all’alcol test e il suo tasso è risultato superiore ai limiti consentiti: un tasso leggermente inferiore a 2 milligrammi contro lo 0.5 consentito. È scattato quindi il ritiro immediato della patente brasiliana intestata a (con punti decurtati nella banca dati istituita per gli stranieri che commettono infrazioni sul territorio italiano), la denuncia penale per guida in stato d’ebrezza e il sequestro del veicolo. La legge prevede un’ammenda minima di 1.500 euro, l’arresto da sei mesi e un anno e la sospensione della patente da uno a due anni. Con l’ausilio dell’avvocato già attivato dalla Roma, potrà comunque patteggiare ed essendo incensurato la sua pena sarà sospesa. I problemi veri saranno di natura professionale.

Bruno è recidivo, a novembre 2016 andò a sbattere con la sua Porsche contro due paletti in Piazza dei Tribunali, anche in quel caso all’alba. La Roma, già scottata dal recente caso , non ne può più. Monchi, partito per la Spagna, al telefono ha subito ordinato al terzino di presentarsi a Trigoria per un allenamento punitivo in solitaria. Automatica la multa da codice interno ed esclusione già ordinata dai convocati della prossima gara col Benevento. La storia di a Roma è sostanzialmente terminata, resta solo da trovare una squadra che se lo prenda dopo i tentativi falliti a gennaio, compreso il «no» del giocatore al . E meno male che aveva promesso su : «Voglio riscattarmi e aiutare in ogni modo possibile i compagni».