De Rossi avverte: «Shakhtar fortissimo e ci aspetta da mesi...»

20/02/2018 alle 07:08.
preview-2

LEGGO (F. BALZANI) - A caccia di rivincita (dopo l’eliminazione con per gomitata a Srna nel 2011), ma soprattutto a caccia di trofei. domani sarà titolare contro lo Shakhtar, ma in un’intervista a Mediaset mette tutti in guardia: «Lo Shakhtar è incredibile, riesce a creare sempre nuovi cicli vendendo giocatori forti e ricomprandone altri altrettanto forti spesso e volentieri dal Brasile. Ha eliminato il che ci dà oggi 16 punti di differenza e, grazie alla pausa invernale, sono mesi che ci aspettano. Con loro però possiamo giocarcela a differenza di altri 2-3 club con le quali partiremmo già battuti».

Il capitano ha parlato anche alla rivista dell’Aic: «Potrei anche chiamarla utopia, so che sono più vicino a smettere ormai, ma il sogno che mi rimane è vincere qualcosa di grande con la Roma. Non posso smettere di sognare, anche perché questo vorrebbe dire che finirei per allenarmi più piano, mangiare peggio, andare a dormire più tardi». Sul vicino addio al calcio: «So già che soffrirò quando me ne staccherò. Il futuro? Non mi piace la cravatta. Mi piacerebbe fare il secondo, magari di o Di Franesco». Poi riapre le porte alla Nazionale: «Non è che abbia messo un paletto, punto e basta. Se capita che l’allenatore si farà vivo con me, allora...».