L’addio «invernale» da Batistuta a Gervinho

23/01/2018 alle 08:01.
roma_batistuta_capello_sensi_totti_getty_01

IL TEMPO (F. SCHITO) -  Gennaio è raramente mese di grandi cessioni in casa Roma, anche se negli ultimi anni qualcosa si è mosso anche nel cosiddetto mercato di riparazione. Nulla di paragonabile all'addio di una pie-tra angolare come ma, andando indietro nel tempo, il primo colpo grosso in uscita è senz'altro quello di Gervinho, al quale venne mostrata la porta di Trigoria, direzione Cina, praticamente in contemporanea con l'esonero di , che lo aveva fortemente voluto in giallorosso. Un addio remunerativo per le casse romaniste (18 milioni di euro più 1 di bonus), rimpinguate per poter arrivare a due elementi cruciali come e Stephan El Shaarawy, decisivi nei primi sei mesi dello bis. Un anno prima, nel 2015, toccò a Mattia , corteggiato dal Milan con tanto di celebre blitz di Adriano Galliani sotto casa dell'attaccante: un prestito con diritto di riscatto che non andò a buon fine nell'estate successiva, nonostante la lunga fase di convincimento di qualche mese prima da parte dell'amministratore delegato rossonero. Riavvolgendo il nastro di altri dodici mesi si arriva alla cessione capolavoro di Michael Bradley, ai margini delle rotazioni della prima Roma di nonostante un gol pesantissimo realizzato nella trasferta di Udine: 7,35 milioni di euro sborsati dal Toronto Fc, prontamente reinvestiti per arrivare a un pilastro futuro come .

Il trasferimento più eclatante delle varie sessioni invernali romaniste rimane però quello di Antonio Cassano, frutto di una rottura prolungata con la società per il rinnovo di contratto: nel gennaio 2006, Fantantonio lasciò Trigoria per volare al , dietro il pagamento di 5,5 milioni di euro. Tre anni prima era toccato a uno degli eroi dello scudetto, Gabriel Omar Batistuta, salutare la Città Eterna a gennaio con un malinconico prestito all': la trattativa per cedere l'argentino, or-mai ombra del centravanti strepitoso dell'anno del tricolore, venne definita da Franco Sensi una «fregatura» rifilata a Massimo Moratti.