Gli anni perduti di Inter e Roma: le incompiute d’oro

18/01/2018 alle 07:20.
fbl-ita-seriea-roma-intermilan-9

LA REPUBBLICA (M. PINCI) - In un ufficio della Lega di Serie A sono appese due gigantografie: c’è la foto ricordo della Roma con la Coppa Italia vinta nel 2008 e a pochi centimetri quella del 2011 dell’. Da quei giorni che pareva non dovessero finire mai, nessuna delle due ha più vissuto una giornata così. Eppure erano loro a spartirsi ogni trofeo in Italia, fino a una manciata di anni fa: testa a testa scudetto e finali a ripetizione sempre sullo stesso asse, una corazzata e la sua ambiziosa rivale. Domeniche si ritroveranno avversarie a San Siro e Roma. Oggi però si somigliano di più, non fosse altro per l’aria da incompiute che si portano dietro a ogni recita, congelando al primo freddo, dopo le speranze autunnali, le speranze da titolo. deve evitare di ricascare nel vizio di Mancini e Pioli, esaltati da strisce vincenti chiuse da una lunga depressione tecnica. E pure la squadra di (che ieri ha perso ) alterna da anni illusioni e delusioni. «Luciano ai nerazzurri ha dato l’organizzazione che mancava», racconta Amantino Mancini, ala brasiliana che brillò a Roma, meno a Milano. «Ed Eusebio è un ragazzo eccezionale, l’ho conosciuto a Roma da . La squadra forse un anno fa era più completa, lui sta facendo bene».

Dalle rassicuranti mani dei mecenati locali, la famiglia Sensi e i Moratti, entrambe le società sono finite sotto il controllo di proprietà straniere. Alternando al vertice personaggi folkloristici come DiBenedetto e Thohir, dozzine di dirigenti e proprietari come e Zhang, multimilionari ancora alla ricerca della felicità. Anche a caro prezzo.
Dal giorno di quell’ultima coppa del 2011, hanno speso insieme qualcosa come 1 miliardo e cento milioni di euro sul mercato: soltanto la ne ha investiti di più. Hanno cambiato panchine freneticamente, 8 allenatori la Roma, uno in più i nerazzurri, e 9 calciatori sono stati traslati da una parte all’altra. Ma niente di tutto ciò è bastato a prendersi lo straccio di un trofeo. Nemmeno la bulimia juventina è un alibi, se una coppetta almeno è capitato a tutte le altre big di concedersela: il , il Milan, la Lazio, che s’è tolta la soddisfazione di soffiarla proprio alla Roma in finale, quella che ha trasformato la data del 26 maggio in un sinonimo romano di Caporetto. «Ma una volta ci incontravamo per ogni trofeo, sempre e Roma», ricorda Crespo, uno dei protagonisti di quelle sfide.
Nove finali tra il 2005 e il 2010, 5 di Coppa Italia e 4 di Supercoppa, con un parziale di 6-3 per l’ a cui aggiungere i tre campionati vinti dai nerazzurri davanti alla Roma: «Sì, vincevamo noi, ma entrambe ci siamo tolte la soddisfazione di alzare trofei importanti. E quante ce ne siamo date in campo. Avrei potuto persino giocare quegli incontri a maglie invertite: quando mi chiamò l’, stava cercando di portarmi a Roma».
Oggi , insieme all’ex ds romanista , è dall’altra parte, portabandiera del nuovo corso cinese con l’obiettivo di ritrovare la chiave della bacheca interista. Ci aveva riprovato pure a Roma, dove ha risollevato una squadra morta sbattendo sulle liti con , chiuse dall’addio al calcio del capitano. Contagiato forse pure lui dall’incompiutezza romanista: da quando ha smesso, ha provato a fare il corso allenatori salvo lasciarlo dopo poche lezioni, ha disertato una trasferta per soffiare su 41 candeline e in ultimo rinunciato a seguire i dirigenti nel summit di gennaio a Londra con - gli è stato comunicato solo pochi giorni prima della partenza, a differenza degli altri manager, e lui ha provato inutilmente a spostare i voli - andando in vacanza con la famiglia. Come i calciatori: e proprio in quel bilico tra il passato in campo e il futuro dietro la scrivania sembra intrappolato oggi il “dirigente” Francesco. Come la sua Roma, come il “ nemico” , alla ricerca della strada per la felicità.