Var, i laziali si scatenano sui social. I romanisti: «Il Cagliari dà fastidio»

18/12/2017 alle 07:31.
as-roma-v-cagliari-calcio-serie-a-52

IL MESSAGGERO (G. LENGUA) -  «Mano di . E anche di ». È bufera sui social network tra laziali e romanisti per il gol convalidato dal Var al difensore argentino al 94′ della gara contro il Cagliari, che ha permesso ai giallorossi di conquistare i tre punti in extremis. «Complotto», «la Roma gioca a pallamano», «furto all’Olimpico», «il sistema è contro la Lazio», «scandalo» sono solo alcuni dei commenti apparsi sui social network dei tifosi biancocelesti, postati insieme ad una foto scattata da una particolare prospettiva che dà l’illusione ottica che il pallone tocchi contemporaneamente il braccio di e . «Se sbagliano il rigore, ci pensano i telecomandati alla moviola» è l’accusa che si fa largo su , alimentata anche da ciò che è accaduto lo scorso lunedì in Lazio-Torino quando il Var (questa volta sbagliando), non ha visto un fallo di mano in area di . Impossibile non prendere la palla al balzo per i tifosi giallorossi che prontamente hanno condiviso la foto corretta, in cui appare chiaro che  prende la sfera con il petto e  è distante circa un metro: «È ormai evidente che il Cagliari dà fastidio» è la stilettata ironica di qualche romanista. Altri preferiscono, invece, rincarare la dose: «C’era rigore su e nessuno dice niente. Parlate solo di quello che vi fa piacere», ma c’è anche chi riapre un caso chiuso addirittura 17 anni fa: «Forse era fallo di mano anche quello di Paolo Negro».
FESTA DI NATALE – Ieri sera il club giallorosso ha organizzato agli Studios in via Tiburtina il tradizionale evento di Natale insieme con sponsor, partner e tifosi Vip (Venditti, Mastandrea, Giusti, Giallini e Memphis) . A fare gli onori di casa il  e l’ad Gandini (assente il presidente ), mentre la squadra è arrivata dopo cena per un saluto veloce: sul palco, con i calciatori, sono saliti anche  e  che hanno fatto gli auguri ai presenti. Ogni partecipante ha acquistato un biglietto da più di 200 euro, il ricavato verrà devoluto in beneficenza per i progetti di Roma Cares.