Difra, ko amaro: “Poco concreti ma Schick c’è”

21/12/2017 alle 07:34.
ac-chievo-verona-v-as-roma-serie-a-16

LA REPUBBLICA (F. FERRAZZA) - Ammutoliti e ghiacciati. I ventisettemila presenti non hanno neanche la forza di reagire alla sconfitta contro il Torino ( 1- 2). E non certo per colpa del freddo calato sul pomeriggio dell’Olimpico. La Roma viene subito eliminata dalla coppa Italia, ma la sembra pietrificata: né applausi né fischi, a prevalere è uno stato d’animo contrapposto. «È davvero un peccato e ci girano un po’ le scatole – ammette  – perché abbiamo creato tanto, ma commesso molti errori. Siamo stati distratti sui loro calci d’angolo, e abbiamo preso gol. È stata però una buona gara per il numero di occasioni create, ma non siamo riusciti a finalizzare anche per demerito nostro: dobbiamo essere più determinati. Tutte le gare vanno giocate al 100% e io ho comunque visto una buona Roma». A tre giorni dalla sfida dello Stadium, contro la , i giallorossi perdono la possibilità di arrivare fino in fondo in coppa Italia. «Ho messo tanti giocatori che comunque hanno minuti nelle gambe – si difende il tecnico – certo, con due gare ravvicinate devo fare delle scelte. E penso che non abbiamo demeritato. Dispiace tanto, anche questo servirà per crescere» . Importante il gol trovato da Schick. «Sta crescendo, di condizione e la rete gli fa bene, ne aveva proprio bisogno. Bene anche con , quando l’ho fatto entrare, nel 4- 2- 4. Peccato per lo sbaglio sul rigore, a livello psicologico è un errore fastidioso» . Adesso la squadra dovrà concentrarsi subito sul match di sabato sera contro la . Questa mattina  raccoglierà i suoi a Trigoria, cercando subito di spostare l’attenzione dalla forte delusione vissuta ieri sera alla possibilità di uscire a testa alta dallo Stadium.