Senza De Rossi la Roma costruita sull’emergenza

29/11/2017 alle 07:38.
di-fra-de-rossi

LA REPUBBLICA (E. SISTI) - Due giornate di  in fondo non sono niente. Umanamente è molto più lunga la sequenza dello schiaffone a Lapadula. Le squalifiche hanno un senso e passano, gli errori non hanno senso e pesano. Il costo che  ha fatto pagare al suo club con le sue due ultime cadute di stile, Porto e , si misura in prestigio, soldi e mancanza di lucidità.  si è reso protagonista «di una cattiva lettura dell’azione», come si dice in tv scambiando le partite di calcio per una biblioteca. L’improvvisa miopia del capitano, più esistenziale che tattica, avrà come conseguenze dirette che Daniele si riposerà (ma solo in parte perché sarà sicuramente in campo nella sfida di  contro il Qarabag), la Roma rifletterà senza capire esattamente su cosa riflettere (solo una multa dello spogliatoio) e i tifosi continueranno a spezzarsi in due tronconi, come fossero condannati da un’antica maledizione a dividersi fra “odi” o “amo”, trascinati via dalla loro stessa passione: da una parte chi è d’accordo con  e  («Daniele non si discute»), dall’altra chi è convinto da anni che sotto quella barba mai più tagliata si nasconda un professionista più tormentato che sorridente, forse più incline di quanto si pensi a mollare o a cambiare aria per un paio d’anni o quel che resta. Oltre a riflettere la Roma dovrà anche fronteggiare l’emergenza. Ma è un falso problema. Anche se c’è stato un sondaggio per Berardi, ufficialmente Monchi ha confermato che la Roma non farà mercato a gennaio. Il che vuol dire che gli unici due esterni alti credibili rimarranno e Perotti, ognuno stanco a modo suo, che davanti c’è solo uno  affranto, e che Schick fino a oggi poteva anche essere l’involucro che nascondeva il vecchio  (ma forse il ceco sarà titolare con la Spal venerdì).  è adattato e, a meno che  non ritrovi di colpo la condizione, non è mai esistito alcun sostituto per Kolarov: il serbo sta pagando tre mesi pazzeschi eppure ancora oggi rimane l’unico che scelga di saltare l’uomo e che soprattutto sappia farlo. Conclusione:  squalificato non può e non deve alterare il gusto del caffé di Eusebio. Non sarà bella, ma la Roma esprime una sua armonia. E giocarci contro non è facile. Se supera i gironi in , in campionato avrà un calendario da sfruttare col morale alto. Sempre che non si decida di continuare ad assestare ceffoni al primo che capita.