Dzeko non si lamenta più: la Roma alternativa ha trovato il nuovo leader

21/09/2017 alle 07:17.
benevento-calcio-v-as-roma-serie-a-7

LA REPUBBLICA (F. S. INTORCIA) - Il fantasma del passato, quel precedente infausto e assai datato delle Forche Caudine, quando l’esercito romano fu accerchiato, costretto alla resa e spernacchiato dal nemico sannita alle porte di Benevento, ha aleggiato solo per qualche minuto sul destino della Roma, che poi ha vinto con le modalità e le proporzioni che era lecito attendersi, contro un avversario ancora a zero punti e con una sola rete segnata 435 minuti fa. Stavolta la trasferta è nata sotto auspici diversi, con la visita mattutina del sindaco Mastella nel ritiro romanista: ha strappato un video a per il proprio nipotino, dopo la foto virale con Lenny Kravitz. Quattro gol dei giallorossi di , due pali - sono già sei in stagione - e soprattutto Edin protagonista di tutte le scene principali, al punto che avrà maledetto forse gli sventurati Venuti e Lucioni che gli hanno rubato il tempo e l’idea e hanno fatto gol nella porta sbagliata al posto suo. Sorride di nuovo, il bosniaco: solo dieci giorni fa brontolava e soffriva di nostalgia per i tempi in cui “giocavano tutti per me”. In verità giocano tutti per lui pure adesso, ha segnato 21 gol nelle ultime 21 gare di campionato, con 7 assist, ha punito una nuova avversaria di A (sono 22, ha risparmiato solo il ) e regalato alla Roma la nona vittoria consecutiva in trasferta: eguagliato il Milan di Capello, il primato è dell’ di Mancini (11). «Più gioco e più mi sento bene, non esistono partite facili e abbiamo dimostrato che non perdiamo punti contro le piccole», ha detto il centravanti, che poi ha mangiato con i compagni i tre chili di pasta offerti alle due squadre negli spogliatoi dallo sponsor del Benevento: prove di terzo tempo.
Senza e Schick, ha constatato la vastità delle alternative, la forza delle catene laterali, con la prepotenza di Kolarov e la freschezza di Bruno , ha promosso a pieni voti il debutto di Gonalons e non ha perso l’aplomb quando gli hanno ricordato l’unico black-out della sua squadra, che ha subìto gol e lasciato punti solo nei venti minuti di follia contro l’. È un buco temporale che impedisce alla Roma di ragionare da capolista virtuale, mentre porta a 25 le gare consecutive di campionato in cui va in rete e inquadra ormai un altro record (27, fissato nel 2006). «Vi ricordo ancora spiega il tecnico pescarese - che in quella partita abbiamo dominato per 70 minuti, segnato un gol, preso tre pali e guadagnato un rigore che magari c’era. Dimentichiamo gli altri 20, pensiamo alle risposte importanti che mi hanno dato i giocatori, ho visto degli atteggiamenti esemplari quando siamo andati a recuperare subito una palla persa. All’inizio eravamo da scudetto, dopo l’ sembravamo da quinto posto. Nel calcio e nella vita si vuole tutto e subito, il campo dirà la sua». Il Benevento, 10 gol subiti in quattro giorni, ha resistito metà tempo e sciupato con Cataldi il possibile vantaggio: Baroni, confermato almeno fino alla trasferta di Crotone, difende la sua idea di provare a salvarsi giocando a viso aperto, che ora sembra quasi un’eresia.