Roma, Champions in riserva

12/01/2017 alle 07:13.
as-roma-v-fc-viktoria-plzen-uefa-europa-league-18

IL MESSAGGERO (A. ANGELONI) - Vai a vedere che, conti alla mano, domenica ti ritrovi a rimpiangere , scappato da Roma perché qui era finito nel dimenticatoio. Un attaccante in più in panchina avrebbe fatto comodo, vista la situazione che si sta delineando. , a meno di un miracolo, è out; è in Africa per la coppa. Per non parlare poi della situazione difensiva: deve rinunciare a per , proprio ora che, con il tedesco in campo nel doppio ruolo di centrale e esterno, la sua squadra aveva trovato l'equilibrio perduto. Vermaelen è fuori, ma almeno lui spera in un recupero per Udine e anche se il belga dovesse entrare nei convocati non sarebbe mai al top, un po' per l'ultimo infortunio, un po' per tutti gli altri infortuni. Per non parlare poi di , l'equilibratore per eccellenza, pure lui squalificato. Uno come Daniele la Roma non ce l'ha. C'è , è vero, e giocherà lui al fianco di , ma l'argentino è più un regista che un uomo schermo. Facendo questi conti spiccioli, viene da pensare come effettivamente avrebbero fatto comodo ora i famosi due rinforzi (attaccante e centrocampista) richiesti da e dettati dalla situazione generale. La Roma in questo momento è in riserva. Proprio sul più bello, prima di una trasferta rognosa. Proprio nella fase storicamente decisiva per il campionato, sia in chiave scudetto, anche se le speranze a tanti appaiono esigue, sia per la vitale conquista del secondo posto. voleva tornare nella sua a Udine in una situazione migliore e non in piena emergenza, anche perché la squadra friulana, con Del Neri, ha ritrovato se stessa e anche contro l' non aveva per niente demeritato. Udine è una tappa fondamentale: il ha in casa il e la va a Firenze. Fate voi.

RIGIDITÀ DIFENSIVE Lucio ha in testa comunque una Roma che sappia difendersi bene, come è successo da quando - senza - utilizza Bruno Peres più alto: in tre gare senza l'egiziano, tre le vittorie e zero gol subiti, con Momo sedici partite e dieci vittorie e quattro sconfitte. Quella di Torino con la conta in campo ma in pratica la Roma con lui dentro non ha subito gol: la rete di Higuain - per onore di cronaca - è arrivata molto prima del suo ingresso.

TOTTI E POCO ALTRO  pensa a una difesa a tre con , Fazio e Juan Jesus, con Peres a destra e a sinistra, in mezzo e ; là davanti insieme con ed . Ipotizziamo una panchina e qui siamo al minimo: , Mario Rui, Gerson e , più qualche ragazzo della Primavera. A Udine si può vincere lo stesso, chiaro, ma per ambizioni maggiori ci vogliono subito un paio di rinforzi. Specie se si ti trovi in un'emergenza come stavolta.