Florenzi rilancia la Roma: “La Juve? Noi giocheremo per vincere”

29/07/2016 alle 18:31.
florenzi-palla-al-piede-lr24

REPUBBLICA.IT (M. MONTI) - “Lo scetticismo intorno a questa Roma? Mi piace. Dovremo essere bravi a smentire tutti con tanti fatti e tanto lavoro“. A due giorni di distanza dalla sfida amichevole contro il Liverpool (in programma nella notte tra il 1 e il 2 di agosto), Alessandro commenta la seconda fase della preparazione dei giallorossi allineandosi al coro dei suoi compagni di squadra e del suo allenatore: l’obiettivo stagionale è provare a segmentare il campionato pensando ad ogni singola gara, “per provarle a vincere tutte” in sequenza. Intanto a Boston è arrivato dopo gli intoppi burocratici che lo avevano costretto a lavorare a Trigoria, in attesa del visto per volare negli Usa.

Il lavoro procede spedito, in vacanza abbiamo lavorato un po’ dopo l’Europeo e questo lo stiamo ritrovando durante la tournée. E’ bello ritrovare i compagni per iniziare al meglio la stagione“. Alessandro – reduce da una stagione che lo ha visto impegnato in 42 gare con la Roma tra Serie A, e Coppa Italia (8 gol e 4 assist) – deve verosimilmente ancora smaltire le tossine di un campionato Europeo che lo ha visto protagonista con l’Italia di in 4 delle 5 partite disputate in Francia: “Si era creato qualcosa di fantastico – racconta a Roma Tv abbiamo dato tutto fino alla fine, mettendo alle corde la Germania e battendo la Spagna. Mi porto dietro un’esperienza positiva ma con un sapore negativo nel non aver portato a casa la vittoria“. Un auspicio che spera di poter recuperare con la sua Roma, nonostante i pronostici influenzati dalle tante operazioni di mercato messe a segno dai rivali juventini:Dovremo fare tesoro del passato campionato e non pensare alle partite precedenti, bensì arrivare ad ogni match con l’atteggiamento giusto per tentare di vincerle tutte. Parto sempre con sensazioni positive – spiega il tuttofare di e cerco di non vedere mai il bicchiere mezzo vuoto. Sembrerò banale ma dovremo fare fatti, non parole“.

Prima il tentativo con , poi le avance nei confronti di Zabaleta. Nel frattempo si è continuato a monitorare le situazioni relative a due conoscenze del campionato nostrano: Widmer e Bruno Peres. Che la società sia in cerca di un non è di certo un mistero: non lo è anche in funzione delle parole di che più volte ha fatto riferimento alla difesa come reparto più bisognoso di rinforzi. , in tale contesto, continua a fornire la propria massima disponibilità alla duttilità tattica: “Sto bene e sono pronto a giocare nel ruolo che servirà. Spero non il – conclude scherzando – anche se sono bravissimo pure lì“. Per fortuna della Roma, però, questo tipo di sacrificio non servirà: oltre ad essersi assicurati , infatti, i dirigenti giallorossi hanno ormai archiviato l’operazione con l’ok dell’ al prolungamento – di un anno ad un milione di euro – del prestito per l’estremo difensore polacco. Difficilmente, però, il calciatore riuscirà ad aggregarsi ai compagni già a Boston, piacere che ha invece potuto vivere Mohamed . L’egiziano – risolti i problemi burocratici che avevano posticipato il ritiro del visto per volare in America – ha abbracciato la squadra nel ristorante di proprietà di : cena di gruppo, abbracci e sorrisi prima dell’ennesima giornata di lavoro in vista del primo appuntamento decisivo della stagione, il preliminare di di metà agosto.