ROMA-PARMA: Amarcord (VIDEO)

26/02/2011 alle 12:52.

LAROMA24.IT - La sfida tra la Roma e i ducali, seppur tra le più recenti in ordine prettamente cronologico, è già entrata di diritto nella memoria di un’intera generazione di tifosi romanisti, che esattamente dieci anni fa festeggiarono il terzo scudetto proprio contro il Parma. Il primo confronto risale appena a venti anni fa: il 10 marzo 1991

 

Il primo confronto risale appena a venti anni fa: il 10 marzo 1991 il Parma rivelazione di Nevio Scala si presentò all’Olimpico, contro la Roma di Ottavio Bianchi, strappando un prestigioso 0-0. La sfida dell’anno successivo, il 3 maggio 1992, fu risolta a un quarto d’ora dal termine grazie a un gol di Ruggero Rizzitelli, che siglando il definitivo 1-0 consentì ai giallorossi di agganciare proprio il Parma che li precedeva in classifica.

Risultato in fotocopia anche la stagione seguente: il 6 dicembre 1992 la Roma di Boskov superò di misura per 1-0 la squadra ducale, grazie a un gol in extremis ancora di Rizzitelli, mattatore già nella precedente sfida.

Il 5 dicembre 1993, con Mazzone alla guida, i giallorossi si imposero per 2-0 sui gialloblù, grazie alle reti di Comi e Cappioli, che regalarono al pubblico una delle poche gioie stagionali, prima di imboccare il triste ciclo delle quattordici partite senza vittoria, che portarono la Roma a sfiorare la retrocessione.

Il 1 aprile 1995, vigilia di Pasqua, fu invece una zampata di Balbo, da opportunista di razza, a superare Bucci e a regolare il Parma. La squadra di Scala, che disputò uno splendido campionato piazzandosi terzo in classifica, perse per 1-0 pur dominando per larghi tratti la gara. Il 13 aprile 1997 una Roma in piena crisi dopo l’esonero di Carlos Bianchi e con il duo Liedholm-Sella in panchina, subì l’unica sconfitta nella storia dei confronti contro i gialloblù. Il Parma, guidato da un giovane , si impose per 0-1 grazie alla zampata di Hernan Crespo, lesto ad approfittare di uno svarione difensivo dei giallorossi. Il 29 marzo 1998 è ricordata dai tifosi non tanto per il 2-2 finale, con la rimonta gialloblù firmata da un doppio Enrico Chiesa, quanto per lo splendido cucchiaio in corsa con cui superò un giovanissimo Buffon. Il raddoppio di Paulo Sergio non bastò però alla Roma di Zeman per portare a casa i tre punti. Ancora una prodezza di , su punizione, il 25 aprile 1999, regalò il definitivo 1-0 sui ducali la stagione seguente.

E arriviamo al 17 giugno 2001. Pochissimo da aggiungere, ogni singolo fotogramma di quella giornata è impresso indelebilmente negli occhi e nei cuori di ogni tifoso. Una partita che la Roma dominò dal primo all’ultimo minuto (se mai ci sia stato un ultimo minuto), travolgendo i gialloblù con le reti di , Montella e Batistuta che suggellarono una cavalcata trionfale. A nulla, se non per onor di firma, servì il gol parmense di Di Vaio, la festa era ormai irrefrenabile. Il fischio finale di Braschi, con i giocatori in fuga verso il tunnel travolti da una marea umana, furono gli ultimi flash ufficiali di calcio giocato, prima di lasciar posto alle scene di ordinario delirio che tennero la Capitale sveglia per mesi. Anche la sfida dell’anno seguente si concluse con il medesimo risultato: il 14 aprile 2002 la Roma, in piena rincorsa all’Inter, battè per 3-1 i ducali, con i gol di Delvecchio, Cassano e Samuel, mentre per i gialloblù andò a segno Lamouchi.

Il 13 aprile 2003, nelle battute conclusive di una pessima stagione, la Roma superò il Parma in rimonta: dopo essere andata in svantaggio per merito di una prodezza balistica di Adriano, la squadra di Capello rimontò con i gol di e Guigou, chiudendo sul definitivo 2-1. Memorabile, per , anche la sfida del 19 dicembre 2004: quel giorno il superò il record di Roberto Pruzzo, realizzando il gol numero 107, festeggiato con una maglia recitante “107 volte…solo con te!”. La gara si concluse 5-1, grazie alle doppiette di e Cassano e al gol di Montella, mentre per il ducali andò a segno l’ex giallorosso Bovo. Il 21 settembre 2005 un'altra partita da over in schedina tra Roma e Parma. Quel mercoledì sera, in infrasettimanale, la squadra di Spalletti schiantò i gialloblù per 4-1, grazie alla doppietta di Nonda, e ai gol di e Panucci, mentre per il Parma andò a segno Paolo Cannavaro. L’11 febbraio 2007 un altro rotondo 3-0 per la Roma di Spalletti, grazie alle reti di , Perrotta e Taddei. Il 1 marzo 2008 la Roma, con la testa al ritorno degli ottavi di a Madrid, strapazzò 4-0 un Parma avviato verso la retrocessione. I gol giallorossi furono realizzati da Aquilani, autorete di Falcone, e Vucinic.

E arriviamo così all’ultimo precedente, quello dello scorso 20 dicembre 2009: la squadra di Ranieri si impone 2-0 sui ducali di Guidolin, grazie ai gol nella ripresa di Burdisso e Brighi che consentono l’aggancio al quarto posto, dopo una partenza stentata. Quel quarto posto che attualmente insegue la Roma, consapevole che le speranze di una qualificazione passano necessariamente dalla sfida contro il Parma.

ROMA-PARMA 1-0 1992/93

ROMA-PARMA 2-0 1993/94

ROMA-PARMA 1-0 1994/95

ROMA-PARMA 2-2 1997/98

ROMA-PARMA 1-0 1998/99

ROMA-PARMA 3-1 2000/01

ROMA-PARMA 3-1 2001/02

ROMA-PARMA 2-0 2003/04

ROMA-PARMA 5-1 2004/05

ROMA-PARMA 3-0 2006/07

ROMA-PARMA 4-0 2007/08

ROMA-PARMA 2-0 2009/10

 

Alessandro Monzio Compagnoni