Primavera, De Rossi: "Il derby conta tanto, sarà una partita difficile"

22/12/2017 alle 19:23.
img-20170912-wa0034

ROMA TV - Parla all'emittente televisiva giallorossa l'allenatore della Primavera Alberto , alla vigilia del derby contro la Lazio. Queste le sue parole:

"Veniamo da un percorso abbastanza lungo. C’è stato questo cambiamento da parte della squadra dopo quel periodo brutto dove abbiamo perso tre partite che ci hanno determinato anche l’eliminazione dalla Youth League. Potevano determinare anche una presa di coscienza negativa dap arte dei ragazzi, soprattutto quelli più giovani. Invece la squadra si è ricompattata, ha lavorato tanto con grande impegno e serietà e abbiamo ripreso il nostro percorso, quello iniziale. Mi sembra che la squadra sia nelle posizioni che meriti".

Dall’altra parte c’è una Lazio in zona retrocessione, può essere un pericolo in più?
No, la partita è difficile di per sé. Ognuno ha le sue motivazioni e loro vogliono uscire dalla bassa classifica, noi invece vogliamo comsolidare questo momento e scalare le posizioni avanti. Perciò le motivazioni le abbiamo tutte, la storia del derby lascia il tempo che trova onestamente. E’ la cosa che penso io. Dobbiamo valutare se ci sono stati miglioramenti, se sul territorio abbiamo lavorato bene. Questo è un discorso di società, non è un discorso solamente per quanto riguarda la Primavera. Credo che ci sono tante motivazioni, se vogliamo anche che sia un derby io vedo al di là di questo aspetto, ci vedo tantissime altre cose. Per me è una partita che conta tanto, tre punti importantissimi sarebbero per noi.

I ragazzi come stanno?
Sono tranquilli, ci siamo allenati molto bene. Certo poi non è che la prepari in una settimana e pensi solo a questa partita. C’è stata la partita infrasettimanale, un’altra molto importante. Perciò non c’è solamente questa e sono contento che loro la pensino in questa maniera. L’hanno preparata con grande meticolosità, soprattutto perché ci permetterebbe di fare un salto in avanti veramente grande.

Come state fisicamente?
I ragazzi stanno benissimo. Se riusciamo e se loro sono bravi, e se non rompono l’equilibrio della squadra, possiamo fare giocare tutti. Questo è un termine degli adulti, però noi manteniamo una sorta di settore giovanile. Abbiamo in organico ragazzi che vogliono mettersi in evidenza e se durante la settimana si allenano bene cerchiamo di metterli dentro fermo restando che non ci dobbiamo dimenticare che c’è una classifica, ci sono dei trofei da cercare di vincere e di tenere alto il nome della Roma, non faccio scelte che vanno a discapito della squadra e della nostra società.