Roma-Shakhtar, ALISSON: "90 minuti intensi per il salto di qualità"

13/03/2018 alle 23:48.
as-roma-v-shakhtar-donetsk-uefa-champions-league-round-of-16-second-leg-15

Queste le dichiarazioni di , della Roma, rilasciate alla stampa al termine della gara con lo Shakhtar Donetsk:

A ROMA TV

Oggi non hai parato...
Oggi un po' di riposo. Abbiamo fatto un bel lavoro in campo, abbiamo dimostarato la nostra forza, offensiva e difensiva. Non è facile giocare con lo Shakhtar che ha giocatori di qualità. Non li abbiamo fatti mai tirare e questo è molto importante per noi.

E' stata da stimolo la gara di andata?
Sapevamo che per fare un salto di qualità avevamo bisogno di 90' alla stessa intensità. Era la nostra sfida per stasera e lo abbiamo fatto per 90'. Abbiamo fatto benissimo il nostro lavoro

Vi è mancata la continuità in campionato...
Con i 'se' nella vita... Non siamo riusciti a fare la stessa cosa in Serie A, lo stiamo facendo in , dobbiamo dare continuità al nostro lavoro. Nelle ultime gare in campionato siamo tornati a fare ciò che sappiamo e questo porterà la squadra ancora più avanti

Nelle ultime 4 gare in casa in avete subito 0 gol. Perchè siete concentrati solo nelle grandi partite?
E' difficile da dire, in 90' succedono tante cose. In momenti come questo dobbiamo giocare sui dettagli. Il gol di Under all'andata ci ha portato un vantaggio, sapevamo che il 2-1 all'andata non ci sfavoriva troppo e stasera siamo stati perfetti sia in fase difensiva che offensiva

Lavorate di più sull'aspetto mentale?
Ci lavoriamo sempre, quando non arrivano i risultati bisogna lavorare di più perchè il lavoro paga sempre. Abbiamo lavorato seriamente e abbiamo vinto contro e Torino e abbiamo acquisito fiducia. Oggi siamo scesi in campo per vincere e portare a casa la qualificazione.

Che è successo nel finale? Un po' di nervosismo?
Siamo calciatori sanguigni, il calcio ci porta a vivere le emozioni. Ho parlato con Ferreyra negli spogliatoi, mi ha chiamato perchè voleva chiedere scusa al raccattapalle che ha spinto, ha perso la testa, ha sbagliato, lo sa e ha chiesto scusa. Noi abbiamo vinto, loro erano tristi per la sconfitta, questo è il calcio ma non bisogna mai andare oltre.

Il sorteggio?
Non ci pensiamo stasera, se il Mister non ha detto nulla non lo faccio nemmeno io (ride, ndr)


IN MIXED ZONE

"Sono molto felice per la qualificazione, per il lavoro fatto stasera, è quello che avevamo preparato in settimana. La squadra ha avuto un atteggiamento incredibile, oggi è stata la partita più importante della mia carriera finora, da domani si pensa a Crotone"

Questa partita può dare slancio anche per il campionato?
"Certo, noi siamo lì. Abbiamo perso qualche occasione ma c'è la lotta e dobbiamo fare il nostro lavoro pensando partita dopo partita e vediamo dove arriveremo in campionato"

Vuoi dire qualcosa per rassicurare i tifosi sul mercato?
"Sul mercato non voglio parlare, siamo nel momento delle partite e voglio stare col pensiero sulle partite. Ogni partita che faccio ho il pensiero di portare la Roma sempre più in alto"