Shakhtar-Roma, ALISSON: "Non il risultato che volevamo, ma la Roma è viva. I dettagli hanno fatto la differenza" (AUDIO)

21/02/2018 alle 22:38.
alisson-2-7

Queste le dichiarazioni di , della Roma, rilasciate alla stampa al termine della gara con lo Shakhtar Donetsk:

A PREMIUM SPORT - ASCOLTA L'AUDIO

Interventi prodigiosi, ma non ce l'hai fatta su Fred
Ha fatto tutto Bruno alla fine, era tanto che non giocava ha fatto tutto bene. Nel primo tempo siamo stati quasi perfetti poi abbiamo lasciato troppo spazio a loro, che giocano sempre bene. Non volevamo questo risultato ma siamo ancora vivi, dobbiamo lavorare, ora testa al campionato.

Vi siete disuniti?
No non ci siamo disuniti, abbiamo fatto un bel lavoro nel primo tempo ma sappiamo che loro hanno qualità. I dettagli hanno fatto la differenza in questa partita


A ROMA TV - ASCOLTA L'AUDIO

Il 13 marzo dovete avere rabbia nella gara di ritorno. Che è successo nel secondo tempo?
Nel primo tempo abbiamo fatto le cose giuste. Non possiamo calare così. Siamo una squadra forte ma dobbiamo anche avere l'atteggiamento da grande squadra, non possiamo calare così nel secondo tempo, nel momento decisivo. Per fortuna abbiamo fatto un bel primo tempo facendo un gol fuori casa, arriviamo vivi all'Olimpico. Aspettiamo il sostegno dei nostri tifosi

Cosa ha detto a Fred?
Non volevamo subire gol. Ho giocato con Fred, conosco la sua qualità nel calciare punizioni, così come Bernat. Lui ha tirato benisssimo ma dovevamo fare meglio. Potevamo pareggiare, non sarebbe stato un risultato brutto. Adesso dobbiamo guardare avanti e lavorare di più

All'Olimpico partita aperta?
Si, è aperta ma dobbiamo essere intelligenti. Loro hanno dimostrato la loro forza, non dobbiamo lasciargli spazi perchè hanno qualità nella gestione della palla e nella ricerca degli spazi. Davanti hanno tre brasiliani fortissimi più Fred e fanno la differenza in questa squadra

Nel secondo tempo vi siete abbassati. Parlate in campo tra di voi?
C'è comunicazione ma in partita è difficile. Lavoriamo ogni giorno per fare tutto bene in campo, allo stadio ci sono i tifosi ed è difficile sentire. Io esco sempre senza voce per quanto urlo, la nostra squadra forse deve parlare di più ma è difficile giocare parlando. Dobbiamo fare i movimenti giusti come nel primo tempo, correndo insieme. Nel secondo abbiamo sbagliato troppo e ci siamo abbassati un po' troppo ed è stato il nostro errore principale.

Quando ci sono errori individuali sembra che questi errori coinvolgono tutta la squadra
In campo è difficile parlare. Puoi dire al massimo poche parole, bisogna far i movimenti da squadra e abbiamo sbagliato questo. Abbiamo preparato la partita come abbiamo giocato nel primo tempo, nel secondo non ci siamo riusciti. Dobbiamo lavorare e pensare al campionato.