Roma-Cagliari, DE ROSSI: "Non esulti così se non ci credi. Scudetto a noi e Champions alla Juve, firmerei subito" (AUDIO E VIDEO)

16/12/2017 alle 23:25.
de-rossi-mixed

Queste le dichiarazioni di , centrocampista della Roma, rilasciate alla stampa al termine della partita con il Cagliari:

A MEDIASET - ASCOLTA L'AUDIO

Tre punti importantissimi
Abbiamo guardato ora la classifica, ci diciamo sempre che siamo sempre quarti ma con due punti in meno sarebbe stata peggio. Stiamo bene così, vittore sofferte come questa danno anche spinta dal punto di vista emotivo

Che succede li davanti?
E’ il modo sbagliato per iniziare una frase. E’ un discorso di squadra, dipedne tutto da come si supportano gli attaccanti. Anche oggi abbiamo meritato il gol, non è da tutti poi riprendere a giocare dopo un rigore sbagliato. Abbiamo fatto il 63% di possesso palla, abbiamo giocatori forti e il gol arriverà.

L’?
Speriamo che chi ci precede perda punti, oggi è toccato a loro. Davanti c’è equilibrio, siamo tutti li. Se dovessimo vincere con la Samp saremmo a un punto dal . Vincere oggi era troppo importante

Il Cagliari vi ha concesso poco
Giochiamo sempre contro squadre che ci aspettano, loro poi erano molto organizzati e pronti a ripartire, non era una partita scontata e facile. Con l’ avevano creato occasioni importanti, che noi non abbiamo concesso. Il campionato è difficile e va sfruttata ogni occasione. Meglio aver sbagliato oggi il rigore, ci sta l’errore ma è la nostra arma in più

Tirerai tu i rigori?
Sono in lista dopo di lui, finchè se la sentirà è giusto che stia davanti a tutti. Oggi ha dimostrato di non essere imparabile ma nessuno lo è, avranno anche studiato il modo in cui tira i rigori.

E’ il momento migliore per affrontare la
La è la maestra di mentalità, non parti mai avvantaggiato, semmai in pareggio. La ha dimostrato di vincerne tante di partite così, era una delle loro armi. , con il gol di Zaza e tanti derby e molte altre le portavano a casa così. Ce lo eravamo detti che dovevamo essere equilibrati.

A voi lo scudetto e alla la , come ha detto . Ci stai?
Ma si, se potessi firmerei subito, specie per Buffon che è al suo unico anno. Ma non faccio il tifo per la finche in ci siamo anche noi.

Un mese senza ct, che idea si è fatto?
Non abbiamo impegni determinati e non c'è fretta per questa decisione, ci si può riflettere di più. Credo che la federazione stia valutando tante ipotesi, è stata una bella mazzata per il calcio italiano e si dovrà ripartire da un allenatore importante. Ma con non diventiamo la Spagna, dobbiamo ricostruire qualcosa di importante. Ripartire da un allenatore forte comunque sarebbe la cosa migliore.



A SKY SPORT - ASCOLTA L'AUDIO

Perseveranza o poca brillantezza?
Penso che sia giusto analizzare tutto, con tutte e due le cose all'attivo vinci le partite in maniera più facile, se non hai una delle due ma l'altra ti sostiene come oggi ogni tanto, non sempre, puoi portare a casa punti fondamentali

Oggi avete avuto più difficoltà del solito contro una squadra chiusa
Forse abbiamo creato un pochino di meno rispetto a tempo fa ma non è facile perché adesso le squadre sono organizzate i video li vedono tutti e puoi incappare in una giornata in cui sei poco brillante, loro poi oggi avevano anche due attaccanti fisici che tenevano su palla, ma noi abbiamo fatto il 65% del possesso palla. Dobbiamo essere me o sterili e liberarci di più per creare spazio ai nostri attaccanti

Come hai fatto a esultare dicendo "la concha de tu madre"?
Io non le dico mai le parolacce (ride, ndr), oggi c'è la var e devo stare attento anche alle parolacce. Giocare accanto a è un onore perché è un ragazzo super positivo.

L’evoluzione della Roma: create meno ma non concedete nulla…
Abbiamo sempre detto che la grande forza di una squadra in Italia è la difesa. Squadre come noi la e il , se non prendono un gol, uno o più gol rischiano di farli. Il calcio in Italia è tanto in base alla fase difensiva e quest’anno la stiamo lavorando, ci stiamo rendendo conto di come andrebbe sempre fatta. Tomei ogni giorno ci perde le ore, ma anche il mister e i giocatori. Juan Jesus e
, che era uno che andava prima a destra e poi a sinistra ma poi recuperava, quest’anno lo vedo cambiato, più attento a non sbagliare posizione e sono contento perché lui può essere fondamentale.

E’ un lavoro che non si faceva in passato?
Non ho detto questo, l’inter ha l’allenatore che avevamo noi e a parte oggi anche loro stanno facendo grandi cose a livello difensivo. Ci siamo resi conto anche noi che abbiamo lavorato un pochino meno bene in passato, abbiamo fatto danni incalcolabili in maniera disordinata. La fase per ripartire è muoversi tutti insieme, con i centrocampisti e gli attaccanti che ti danno una mano.

Siete un gruppo più normale e convinto. Non ti chiedo proclami, ma in termini di consapevolezza avete raggiunto un livello diverso rispetto al passato?
Sì, ma è frutto della maturazione di alcuni giocatori. Un conto è avere un giocatore a 24 anni, un conto a 26. Ci si cala in questa realtà. Oggi l’abbiamo vinta con forza, voglia e determinazione, che contano sempre. E’ un gruppo che si sta rendendo solido anche al di fuori dei 90 minuti, lavoriamo insieme e tanti.

Com’è l’attesa del verdetto del Var?
Meglio questa volta che l’ultima (ride, ndr). Abbiamo visto che controllava il Var, non capivamo i loro giocatori che protestavano. Quei 20-30 secondi durano un eternità.

Il nervosismo finale?
Credo si siano detti qualcosa con quelli della panchina, io ero di là ad esultare in spagnolo. Ho visto che stavano discutendo, Alessandro diceva che gli avevano detto qualcosa. Non è la prima volta, con questo Var/non Var succede che ci si lascia trasportare.

 


A ROMA TV - ASCOLTA L'AUDIO

Gol all'ultimo minuto...
Un finale da film, già eravamo tesi per il risultato poi abbiamo dovuto attendere la var, per fortuna c'è stato il fischio finale che è stato liberatorio. Erano tre punti importanti e ottenrli così ha un grande significato

L' perde e la Roma vince. Cosa significa?
Anche se avessero vinto c'erano tante motivazioni per vincere anche noi stasera, ma a maggior ragione che l' ha perso dovevamo dare una botta a questa squadra alla luce dei tre punti persi nello scontro diretto e visto che domenica giochiamo a Torino e sarà difficilissimo.

Siete consapevoli di essere una grande squadra?
Sono molto orgoglioso dei giocatori che abbiamo. E' il primo anno da capitano e non potevo essere più fortunato: è un gruppo perfetto, anche chi gli anni scorsi era più individualista si è veramente calato in questo gruppo e sono veramente contento. L'esultanza di stasera è emblematica: non lo fai così se non credi veramente in qualcosa

Cosa vi passa nella mente in gare del genere?
Dal primo minuto avevo capito che gara sarebbe stata per me, mi marcavano a tutto campo. Quando è così devi stare attento alla fase difensiva, grossa fase di riaggressione, andando a recuperare sulle seconde palle o sulle respinte. Oggi abbiamo visto che era una gara difficile: speravamo di sbloccarla dal dischetto e sembrava davvero complicata

Se a Torino va bene torni da noi?
Io di solito vengo quando perdiamo o quando faccio qualche ca***a. Vediamo, in caso vengo.

ti ha salutato e se ne è andato...
Eh si, lui ha fatto l'antidoping, io lie interviste al posto suo, ora saluta e se ne va. Grande gruppo, come avevo appena detto... (ride, ndr)


IN MIXED ZONE

Partita complicata.
Difficilissima, loro sono stati bravi e si sono difesi bene. Noi dobbiamo fare meglio, ma non era facile. La vittoria è meritata.

ha detto che sei il secondo rigorista. Che dici a ?
Ha tirato con una media mostruosa, lo prendevamo in giro perché segnava solo su rigore l’anno scorso e quest’anno ha iniziato a segnare anche su azione. Li hanno sbagliati Maradona e Baggio i rigori, lo sbaglia anche che è uno dei più forti in circolazione a tirarli. Ci sta che ogni tanto capiti, giusto che io sia il secondo. Decide Diego e decide il mister.

Preferisci il calcio con il VAR o senza?
Domanda che meriterebbe un’ora di discussione. Ho sempre detto che è fondamentale il VAR. Oggi pensavo che il rigore non ci fosse, l’arbitro ha pensato non ci fosse e invece magari facevi il gol decisivo e cambia la classifica. Il VAR è importantissimo, tra qualche anno riusciranno a tarare anche quei piccoli episodi come quello del rigore in Lazio-Torino. Si deve capire perché non si guarda, quando si guarda, quando è rigore e quando no. Così gli arbitri devono decidere due volte e non sempre un contatto che si vede può essere rigore. Quest’anno ha risolto tanti problemi ma in qualche episodio andrà tarata. Un lavoro che secondo me verrà fatto volentieri dagli arbitri.

La Roma è la squadra che ha vinto più volte per 1-0 e ha trovato il gol dopo 55 tiri. Numeri che possono diventare un vantaggio o uno svantaggio?
Analizzando quella di oggi, averla vinta è un vantaggio. In passato abbiamo pareggiato o perso le partite così. Dobbiamo aiutare i nostri attaccanti a liberarsi meglio in area. E’ un discorso di squadra e non solo degli attaccanti, dobbiamo rendergli le cose più facili. La squadra dovrà lavorare meglio, ma era troppo importante vincere.

Siete già da scudetto o aspettati rinforzi a gennaio?
Siamo forti e quella parola non la nomino, guardo il e ha un organico forte come il nostro, così come l’. La
addirittura più forte. Noi siamo forti, non siamo i più forti ma stiamo lì. Non mi interessa cosa farà la società a gennaio, il mercato sta al mister e al direttore, ci penseranno loro.

Dovrete migliorare negli scontri diretti?
Abbiamo perso due partite che secondo me non meritavamo di perdere. Con l’ nettamente, con il
abbiamo perso per un primo tempo non buono ma quella partita ci ha dato una scossa e ha permesso al mister di mostrarci come affrontare qualsiasi squadra, che fossi il o il Cagliari. Certo, avremmo preferito raccogliere almeno un punto, adesso avremmo un’altra classifica. Se pensiamo agli altri scontri, abbiamo vinto con la Lazio, a Milano, a Bergamo e a Torino, tutte partite che non saranno facili per nessuno.

Dall’abbraccio a fine partita il gruppo ha dimostrato di essere unito.
Il gruppo lo dimostra in tante altre circostanze. L’abbraccio a fine partita è figlio di una vittoria che stava per sfuggirci e che invece abbiamo portato a casa.