Shakhtar Donetsk, Ferreyra: "Abbiamo le stesse chance della Roma. Meno male che Totti ha smesso..."

19/02/2018 alle 12:19.
facundo_ferreyra_466038

ASROMA.COM - Facundo Ferreyra, attaccante dello Shakhtar Donetsk, ha rilasciato un'intervista per il sito ufficiale della Roma in vista del confronto degli ottavi di con i giallorossi. Queste le sue parole:

Quale è stata la tua prima reazione al momento del sorteggio che ha messo di fronte Roma e Shakhtar in questi ottavi di ?
“Quando ci hanno sorteggiato con la Roma ho pensato che a questo punto della competizione tutte le squadre sono forti. Sia che fosse stata la Roma o qualsiasi altra squadra, avremmo comunque dato il nostro meglio. L’avremmo affrontata nello stesso modo in cui abbiamo giocato la fase a gironi e che ci ha portati fin qua.”

Come vi preparerete a questa partita?
“La squadra si è allenata bene. La motivazione è tanta. Sappiamo che andiamo a giocare una partita fondamentale sia per noi che per i nostri tifosi e vogliamo renderli felici.”

Quanto ti ha impressionato la Roma fin qui in questa competizione?
“Non ho avuto modo di guardare le loro prestazioni da vicino. Sapevo che erano in un gruppo difficilissimo con Chelsea e Atletico , ma nonostante questo si sono qualificati come primi del girone. Questo dimostra che sono una squadra molto forte."

Pensi che sia un vantaggio per lo Shakhtar giocare in casa la partita d’andata?
“Onestamente, preferirei giocare in casa la partita decisiva, ma questo non smorza assolutamente il nostro ottimismo. Dobbiamo tirar fuori un’ottima prestazione in casa e andare a Roma in una posizione di vantaggio.”

Se poteste scegliere di non vedere in campo uno dei giocatori della Roma con più qualità, quale sceglieresti e perché?
“La Roma ha molti giocatori di qualità. Fortunatamente ha terminato la sua carriera, ma è in gran forma al momento.”

Quante possibilità ha lo Shakhtar di qualificarsi contro la Roma?
“Credo che abbiamo le stesse possibilità, direi cinquanta e cinquanta. La Roma è un’ottima squadra, ma noi crediamo nella nostra forza e condizione."

VAI ALL'ARTICOLO ORIGINALE