Stadio Roma, Fassina: "Progetto poco trasparente, i tifosi che investono nel club potrebbero ritrovarsi senza risparmi"

14/02/2018 alle 16:36.
stefano-fassina

RADIO CUSANO CAMPUS - Stefano Fassina, consigliere comunale di Sinistra per Roma, è intervenuto ai microfoni dell'emittente radiofonica romana per parlare del progetto dello

Noi fin dall’inizio abbiamo cercato di tenere al centro delle nostre valutazioni il merito dei punti contenuti nel nostro programma – ha spiegato Fassina - Su questa vicenda dello stadio, la Grancio è coerente con il programma proposto dal M5S, per questo ci siamo naturalmente trovati su questioni molto serie che riguardano la democrazia, l’urbanistica e la tutela del risparmio. Il protagonista del progetto non è l’As Roma ma una società di cartolarizzazione con sede negli Stati Uniti, che cartolarizza un debito sottoscritto da un’altra società sempre di che a sua volta riceve questo finanziamento da una grande banca d’affari americana. Un intreccio molto complicato".

"Noi non vogliamo sbandierare certezze, vogliamo capire perché i tifosi romanisti, interessati alla realizzazione dello stadio, che decideranno di comprare le azioni di queste società, si potrebbero trovare a non avere indietro i risparmi che investono - prosegue - . E’ dunque una questione che riguarda anche la Consob che dovrebbe essere interessata a valutare che sia tutto apposto, noi abbiamo seri dubbi. Poi c’è la questione urbanistica. Il PD è intervenuto, date le difficoltà politiche della maggioranza 5 Stelle in consiglio comunale, con un emendamento che consente di bypassare il consiglio comunale sulla variante al Piano regolatore, che potrà essere così adottata da un organo tecnico come la Conferenza dei servizi esautorando l'Assemblea capitolina da un dibattito e da un compito che le norme di legge le hanno destinato di diritto. Questa è una scappatoia introdotta dal Pd che ha giocato di sponda con la sindaca di Roma per arrivare a raggiungere un obiettivo che vede interessi trasversali. C’è stata un’enorme opacità, che non nasce con la giunta Raggi. Questo progetto, fin dalla giunta Marino, è stato caratterizzato da scarsa trasparenza"